Gabriele Zanella

 

Note all’edizione Hankey della Compilatio Chronologica di Riccobaldo

 

 

 

Abbreviazioni

 

AA                                                            Auctores antiquissimi

Agnell.                                                   Agnellus qui et Andreas, Liber Pontificalis Ecclesiae Ravennatis, edizione O. Holder-Egger, MGH Scriptores rerum langobardicarum et italicarum sec. VI-IX, Hannover, Hahn 1878, con riferimento a capitolo e riga.

Aug.                                                         Sancti Aurelii Augustini De civitate Dei, Tournhout, Brepols 1955 (Corpus Christianorum, Series latina 47-48)

Beda                                                         Bedae De temporum ratione, edizione Th. Mommsen, MGH AA 13, 3, Berlin, Weidmann 1898, pp. 247-327, con rimando al capitolo

BT                                                             Bernardi Thesaurarii Liber de acquisitione Terrae sanctae… RIS 7

Caes. BC                                                  C. Iulii Caesaris Bellum civile, edizione P. Fabre, Paris 19473

Chr. Cas.                                                  Chronica sancti Benedicti Casinensis, edizione G. Waitz, MGH Scriptores rerum Langobardicarum et Italicarum sec. VI-IX, Hannover, Hahn 1878, con riferimento a pagina e riga

Chr. Mar.                                                  Chronicon Marchiae Tarvisinae et Lombardiae (aa. 1207-1270), edizione L. A. Botteghi, RIS2 8/3 (1914-16)

Chr. Rav.                                                   Chronica de civitate Ravennae RIS I/2

Cic. De am.                                              M. Tulli Ciceronis Laelius De amicitia, edizione R. CombŹs, Paris 1971

Cic. De of.                                                M. Tulli Ciceronis De officiis, edizione P. Fedeli, Milano, Mondadori 1965

Compendium                                             Ricobaldi Ferrariensis Compendium Romanae Historiae, edizione A. T. Hankey, Roma, Istituto storico italiano per il Medio Evo 1984 (FISI 108)

Cr. Ven.                                                     Chronicon pontificum et imperatorum ex cod. Veneto, edizione L. Bethmann, MGH SS 24

DA                                                            «Deutsches Archiv»

De locis                                                     Riccobaldo da Ferrara, De locis orbis, Introd., edizione e note di G. Zanella Ferrara, Deputazione provinciale ferrarese di storia patria 1986 (Monumenti 10)

Einh.                                                         Einhardi Vita Karoli Magni, edd. G. Waitz - H. Holder-Egger, MGH Scriptores in usum scholarum, con rimando a pagina e riga

FISI                                                           Fonti per la storia d’Italia

Hier. Chr.                                                S. Eusebii Hieronymi Interpretatio Chronicae Eusebii Pamphili, PL 27, con rimando, se non altrimenti indicato, agli anni da Abramo

Hier. Prologus Galeatus                          Bibliorum Sacrorum latinae versiones antiquae…, cur. D. Petri Sabatier…, Remis, Apud Reginaldum Florentain 1743 (= Turnhout, Brepols 1976)

Hier. VI                                                    Gerolamo, Gli uomini illustri. De Viris Illustribus, a c. di A. Cersa-Gastaldo, Firenze, Nardini 1988 (Biblioteca patristica 12)

Iac. a Vor. LA                                        Iacopo da Varazze, Legenda Aurea, edizione G. P. Maggioni, Firenze, SISMEL 1998 (Millennio medievale 6, Testi 3), con rimando a pagina e paragrafo

IMU                                                          «Italia medioevale e umanistica»

Is. Chr.                                                     Isidori Iunioris episcopi Hispalensis Chronica, edizione Th. Mommsen, MGH AA 11, Berlin, Weidmann 1894 (= 1961), pp. 424-81

Is. De obitu                                               Sancti Isidori Hispalensis Episcopi De ortu et obitu Patrum, PL 83

Iust.                                                         L. M. Iuniani Iustini Epitoma historiarum Philippicarum…, edizione O. Seel, Stuttgart 1972

Liv.                                                           Titus Livius, Ab Urbe condita, edd. R. S. Conway - C. F. Walters - S. K. Johnson - A. H. McDonald, Oxford, Clarendon 1914-65 (Scriptores classicorum bibliotheca oxoniensis)

Martin.                                                   Martini Oppaviensis Chronicon Pontificum et Imperatorum, edizione L. Weiland, MGH SS. 22, Hannover 1872 (=Stuttgart-New York, Hiersemann - Kraus Reprint 1963) con rimando a pagina e riga

MGH                                                        Monumenta Germaniae historica

Or.                                                            Orosio, Le Storie contro i pagani, a cura di A. Lippold, Verona, Fondazione Lorenzo Valla - Arnoldo Mondadori editore 1976, che riproduce sostanzialmente l’edizione Zangemeister con qualche miglioramento

Papias                                                      Papias Vocabulista, Venetiis, Philippus de Pincis Mantuanus 1496 (=Torino, Bottega d’Erasmo 1966), ad vocem

Parva                                                        Riccobaldo da Ferrara, Chronica parva Ferrariensis, Introd., edizione e note di G. Zanella, Ferrara, Deputazione provinciale ferrarese di storia patria 1983 (Monumenti 9), con rimando alle righe

Passio Ursicini                                         Passio Sancti Ursicini Martyris, RIS I/2

PC                                                             Petri Comestoris Historia Scholastica, PL 198, coll. 1054-722

PD HL                                                      Pauli Historia Langobardorum, edd. L. Bethmann - G. Waitz, MGH Scriptores rerum langobardicarum et italicarum sec. VI-IX, Hannover, Hahn 1878

PD HR                                                      Pauli Diaconi Historia Romana, edizione A. Crivellucci, Roma, Istituto storico italiano 1914 (FISI 51)

PL                                                             Patrologiae latinae cursus completus

Pomerium                                                 Riccobaldo da Ferrara, Pomerium Ravennatis ecclesie, edizione G. Zanella, pubblicato su Internet l’8 gennaio 2001 all’indirizzo spfm.unipv.it/zanella/Pomerium/Pomerium.html, e contemporaneamente su CD-Rom, Cremona, Dipartimento di scienze musicologiche e paleografico-filologiche 2000

Plin.                                                         C. Plinius Secundus, Naturalis Historiae, cur. F. Semi, Pisa, Giardini 1977

Prosp.                                                      Prosperi Tironis Epitoma Chronicon, edizione Th. Mommsen, MGH AA 9, 1, Berlin, Weidmann 1892, pp. 385-485

Rigor.                                                      Rigordus, Gesta Philippi Augusti, “Recueil des Historiens des Gaules et de la Franće” 17, Paris, Palmé 1878 (rist. anast. ridotta Gregg 1968), pp. 1-62

RIS                                                            Rerum Italicarum Scriptores

Ruf.                                                          Eusebii Ecclesiastica Historia, edizione Th. Mommsen, in Eusebius, Werke, Bd. II, Die Kirchengeschichte, Leipzig, Hinrichs 1903-08 (Griechischen Christlichen Schriftsteller 91-2)

Sen. Ad Helv.                                            Lucio Anneo Seneca, I dialoghi, a c. di G. Viansino, Milano, Mondadori 1988-90

Sen. De clem.                                           Ibid.

Sen. De ira                                               Ibid.

SM                                                            «Studi medievali»

So.                                                            C. I. Solini Collectanea rerum memorabilium, edizione Th. Mommsen, edizione altera, Berolini, Weidmann 1957

SS                                                             Scriptores

Tertull. Apolog.                                     Tertullianus, Apologeticum, edizione P. Frassinetti, Torino 1965 (Corpus Paravianum)

Turp.                                                        Historia Karoli Magni et Rotholandi ou Chronique du Pseuo-Turpin, edizione C. Meredith-Jones, Paris, Droz 1936

Ughelli                                                   F. Ughelli, Italia sacra sive de spiscopis Italiae, seconda edizione a c. di N. Coleti, II, Venetiis MDCCXVII, coll. 519-26

Val. Max.                                               Valeri Maximi Factorum et dictorum memorabilium, edizione C. Kempf, Leipzig 1888 (= Stuttgart 1966)

Veg.                                                          Flavi Vegeti Renati Epitoma rei militaris, edizione C. Lang, Stuttgart, Teubner 1967 (=1885)

Vita Anselmi                                              Vita Anselmi abbatis nonantulani, edizione G. Waitz, MGH Scriptores rerum langobardicarum et italicarum sec. VI-IX Hannover, Hahn 1878, con riferimento a pagina e riga

Vita Apollinaris                                         Vita beati Apollinaris Martyris, RIS I/2, coll. 529-33

Vita Vitalis                                                 Vita beati Vitalis Martyris, RIS I/2, coll. 559-60

 

Finalmente disponiamo di una edizione critica della cosiddetta Compilatio chronologica di Riccobaldo da Ferrara [1]. I criteri di edizione e la coerenza nella loro applicazione, il numero stesso dei mss. scelti a base dell’edizione, la disposizione della materia (in particolarissimo modo sul duplice apparato di varianti, sui rapporti tra quest’opera  e il Pomerium e le Historie, che l’hanno preceduta, e quelle che l’hanno seguita, De locis e Compendium, sulla personalitą di scrittore di storia dell’autore, e infine sui dati offerti, sul loro valore documentario e “ideologico”) inducono a una serie di riflessioni aperte a una critica costruttiva. Ci limiteremo in questa sede a prendere in esame quello che Ź certamente uno degli aspetti di maggiore interesse per Riccobaldo, e per il periodo, a cavallo del fatidico 1300, nell’orizzonte storico-culturale dell’Italia settentrionale: la questione delle fonti, e dell’itinerario di acquisizione progressiva di opere storiografiche e geografiche, morali e variamente enciclopediche di Riccobaldo, sotto questo aspetto uno dei protagonisti di primissimo piano di quel “preumanesimo” che preparė la semina di Petrarca e Boccaccio e della nutritissima schiera dei loro amici e familiari. Rimanderemo il resto ad altra occasione.

La prima cosa notevole Ź che, diversamente dal Pomerium e dal De locis, il prologo non fa alcun cenno circa le fonti utilizzate, nemmeno le piĚ corpose. L’unico libro citato Ź il Chronicon di Girolamo, da cui - bisogna intendere - R. Ź ancora indelebilmente segnato.

“Riccobaldo a Ravenna” Ź capitolo pregiudiziale e fondamentale, e quindi varrą la pena riprendere quanto ho gią notato nella mia edizione del Pomerium [2].

Quando, bandito, lasciata, non per mio volere, la dolcezza del suolo natale, risiedevo a Ravenna, e frequentavo assiduamente, in pubblico ed in privato, i canonici della cattedrale, una volta, spinto da una non superficiale curiositą, mi misi a cercare con intensitą nell’archivio di quella Chiesa i libri delle Divine Scritture, per trovarvi una decorosa distrazione. Mentre scorrevo un gruppo di logori volumi, me ne capitė uno fra le mani particolarmente antico e malridotto, dall’aspetto singolare, con una successione di nomi e di fatti mai vista prima, con le iniziali variopinte. Il titolo era: Chronica B. Hieronymi. Estrarre quanto rivelava dei tempi antichi appariva problematico quanto proficuo. Era tratto dai libri di Eusebio, e nessuno l’aveva da lungo tempo adoperato: la pergamena del libro era in putrefazione. Lo aprii e vi ficcai lo sguardo: conteneva le vicende di molti avvenimenti e personaggi famosi, dalla nascita di Abramo fino al periodo dell’imperatore Onorio. Mi dolsi che un’opera tanto preziosa fosse ignota e perduta per i colti, come un tesoro sepolto. Decisi per il bene della cultura di mettere ordinatamente in successione i fatti della cronaca, in modo che fossero comprensibili, contenendoli in una misura ridotta. Molto, che giudicai di scarsa importanza, lasciai perdere; altro, degno di esser conosciuto, registrai in maniera abbreviata, e poiché non si trovava nulla di successivo al tempo dell’imperatore Onorio, traendo da altre cronache e storie, molto aggiunsi ed inserii, fino al tempo di Enrico imperatore, quando espugnė, dopo averla assediata, Brescia, vale a dire al 1312.

Se qui di seguito il lettore troverą qualche errore non si meravigli, visto che le copie per lo piĚ in miserevoli condizioni che ho adoperato sono piene degli errori dei copisti; se anch’io ho sbagliato chiedo perdono: inconsapevole dell’errore, avevo intenzioni oneste [3].

 

Cosď, nel 1313, o poco dopo, R. ricordava con emozione nel prologo alla sua Compilatio chronologica la prima occasione di incontro con libri antichi, e con la storia, a Ravenna. Nel 1297, presentando il suo Pomerium Ravennatis ecclesie aveva dato altri particolari:

 

Non sono in grado di resistere alla tua insistenza, venerando padre Michele, arcidiacono della santa chiesa ravennate, che mi spingi non a soddisfare un tuo desiderio, ma ad adattare per coloro che sono di piuttosto scarsa cultura [4] la cronaca del beato Girolamo, opera che giaceva ignorata e malmessa nell’archivio della chiesa ravennate, sia perché composta in maniera complicata, sia perché ogni minuscola riga di quella antichissima scrittura sembrava contenere una orazione, e ad inserire nel tessuto di quella cronaca qualche cosa d’altro degno di ricordo, che diverta i lettori con amenitą e cose serie.

Ancora mi vai convincendo che vale la pena che noi moderni, tanto gratificati dagli antichi di molteplici doni, trasmettiamo ai posteri qualche cosa di utile, dal momento che Ź a spese ed a fatica dei nostri predecessori che noi godiamo di mura cittadine, basiliche, palazzi pubblici, canali, piantagioni, testi delle arti liberali. Obbedisco, per dir cosď, alla tua ingiunzione.

Tuttavia il modo in cui era presentata la materia in quel codice era di non facile comprensione, ed appariva macchinoso trasferirla sulle pagine di un libro moderno, per cui decisi di mutare l’ordine di presentazione, tralasciando molte cose inutili, inserendo materiale di interesse ricavato da altre opere di storia, in modo che il lavoro fornisse nuovo fiore e frutto alla mente del lettore.

Mi sono comportato come colui che seminė dopo aver scelto il meglio fra molti giardini; se vuoi sapere poi da quali giardini ho fatto la mia scelta, ti dico da quelli di uomini valorosi, Gerolamo, Prospero, Mileto, Isidoro, Eutropio, Paolo Diacono, Ruffino, Pietro Trecense, Paolo Orosio e Tito Livio patavino, dei quali grande Ź la fama.

Certo né mi vergogno di essermi impegnato in tale lavoro, visto che tanto valorosi personaggi, guida dell’umanitą, hanno atteso a quella fatica, né tremo davanti al compito, nel momento in cui cedo alla tua insistenza, visto che l’ho inteso come obbligo, e mi diverto scrivendo, e divengo piĚ esperto per le necessitą dell’esistenza, riflettendo sulle vicende di chi ci ha preceduto.

Dice giustamente l’Apostolo: «Tutto ciė che Ź stato scritto, a nostra istruzione Ź stato scritto». E Catone maestro di moralitą: «Impara dai casi di molti gli esempi da seguire e quelli da evitare: la vita Ź per noi una strana maestra». Tieni presente anche Cicerone: «Gli sprovveduti che su di un argomento non sono in grado di ricordare casi esemplari del passato facilissimamente sono vittima dell’inganno, mentre coloro che conoscono le vicende capitate ad altri facilmente valutando quei fatti passati possono provvedere ai propri bisogni presenti». Giusto questo scopo, per merito tuo, Ź pienamente raggiunto, come dice il poeta, unendo l’utile al dilettevole.

Quindi se trovi un qualche cosa steso elegantemente sappi che non viene dalla mia creativitą; se incappi in qualche espressione rozza invece considerala mia, e non c’Ź ragione di meraviglia del mio stile banale: la vena naturale Ź tenue, ed i molteplici impegni di lavoro mi hanno impedito di affrontare vigorosamente il dovere che mi stava di fronte, ed ho concluso con lo scrivere in maniera quasi casuale e del tutto frettolosa.

Per essere pienamente padrone del complesso di questo tuo lavoro devi sapere che Ź distribuito in sei parti.

Cosď la prima va dai tempi di Adamo, quindi dal diluvio avvenuto durante la vita di Noé fino alla nascita di Abramo, ed infine riporta sinotticamente il seguito dei regni e dei re.

La seconda narra le varie vicende dalla nascita di Abramo fino alla fondazione di Roma.

La terza ripercorre la storia dalla fondazione di Roma alla nascita di Cristo, con l’inserimento di brevi notizie tratte da altre fonti.

La quarta riguarda la storia degli imperatori romani, con l’aggiunta di altro degno di attenzione.

La quinta descrive le province del mondo, poiché la considero di notevole utilitą per i lettori che vogliano rendersi conto esattamente delle vicende di cui si narra.

La sesta espone la successione cronologica dei pontefici romani, mostrando quanto di notevole fatto da ciascuno, preceduta dall’elenco dei luoghi in cui riposano i padri tanto del Nuovo quanto del Vecchio Testamento, e da ultimo fornisce il catalogo dei vescovi di quattro chiese famose: Antiochia, Gerusalemme, Alessandria, Ravenna.

Non si parla dei vescovi di Costantinopoli, perché, per quanto grandemente esaltata ai tempi di Costantino, precedentemente era stata priva del primato goduto dalle altre chiese [5].

 

Dunque il punto di partenza fu per R. il ritrovamento casuale di un esemplare della cronaca di Girolamo. Guglielmo Cavallo, dopo aver affacciato l’ipotesi che quel codice fosse sopravvissuto, forse il Bodl. Auct. T. II 26 di Oxford ff. 33-145, in onciale, non anteriore alla metą del sec. V [6], ha poi considerato quella possibilitą con scetticismo [7]. Di fatto il codice di Girolamo non era gią piĚ a Ravenna nel secolo XVI [8].

Rimane indubbio l’utilizzo intensissimo che il ferrarese fece di quel volume, sia come fonte privilegiata sia come modello. L’impianto del Pomerium segue infatti costantemente, naturalmente fin dove arriva, il Chronicon di Girolamo. La Hankey, che ha dedicato un’appendice proprio a R. a Ravenna [9], sostiene che le liste di regni e re della prima parte del Pomerium, che R. afferma di trarre dalla cronaca di Girolamo, sono perė illustrate le une di seguito alle altre, regno per regno, e con la durata del regno di ciascuno a segnarne la scansione, mentre in Girolamo le liste si ricavano solo da colonne sinottiche [10]. La Hankey ha presente il testo del Chronicon edito da R. Helm [11]; ma se si considera invece quello, certo criticamente piĚ insicuro, ma al nostro scopo paradossalmente perspicuo, della Patrologia latina [12], ecco che le liste di R. trovano la loro fonte perfetta.

Sicuramente anche altro materiale nella biblioteca-archivio dei canonici ravennati R. trovė e utilizzė [13]. Lo stesso consiglio dell’arcidiacono Michele sembra indicare al notaio ferrarese la possibilitą di attingere comodamente ad altre fonti storiche. Perė quel fondo non esauriva tutto il bagaglio di libri di cui nel corso della sua esistenza fino ad allora R. si era provveduto. Di Prospero, ad esempio - largamente usato nel Pomerium dopo Girolamo -, ci rivela esplicitamente [14], molto e spesso aveva letto a Nonantola. La cronaca diffusissima di Martin Polono si trova citata anche nella cronaca episcopale ravennate continuata da Paolo Scordilla, e quindi a Ravenna era nota ed adoperata; Ź probabile che sia finita nelle mani anche di R. Ma dove e come si fosse provveduto degli altri libri citati nel prologo al Pomerium nulla sappiamo.

Non solo la conoscenza dei grandi testi di storia ecclesiastica ed universale mise a frutto R. L’ambiente della chiesa ravennate aveva prodotto anche opere di interesse spiccatamente locale, come la cronaca pontificale di Agnello, che il notaio ferrarese adoperė a piĚ riprese, anche se non in maniera massiccia, intento com’era ad utilizzare il materiale di interesse piĚ generale.

Volgiamo la nostra attenzione prima di tutto ad una anonima cronaca pontificale locale. Cosď ne scrive Giampaolo Ropa

Nel 1296 fu redatta, o finita di stendere, la […] Chronica episcopale, che avrą un seguito agli inizi del Quattrocento per opera del canonico ravennate Paolo Scordilla. […] l’opera Ź in realtą molto composita. […] Negli anni 1297-1300 soggiornė a Ravenna il fuoruscito ferrarese Riccobaldo […] Il sesto libro dell’opera riccobaldiana presenta un Catalogo dei vescovi e arcivescovi ravennati aggiornato fino ad Obizzo Sanvitale. Quali siano i rapporti del Catalogo con la Chronica episcopale Ź un quesito che chiaramente supera la problematica riccobaldiana. […] Puė il Catalogo riccobaldiano ravvivare un po’ la compassata pagina testimoniale? Il confronto tra Chronica e Catalogo rivela parentele strettissime. La prima esaurisce quasi completamente l’orizzonte informativo del secondo, che tranne poche eccezioni appare ad essa legato nei concetti e finanche nell’espressione. Minore in Riccobaldo Ź l’interesse liturgico: presuli evocati nella Chronica per merito di invenzioni, traslazioni e altro recedono presso di lui alla semplice menzione elencativa, e cosď si diradano date e riferimenti cultuali. Che il fuoruscito ferrarese abbia contribuito alla stesura della Chronica non possiamo affermarlo, mentre balza evidente la sua dipendenza da quel testo. Forse Riccobaldo accedette all’ambiente dell’Ursiana quando certi progetti erano gią stati realizzati. Coinvolto, per invito dell’arcidiacono Michele, egli trovė desto l’interesse antiquario. La stessa Chronica, non chiusa all’ambiente ecclesiastico, ma attenta a fatti e personaggi della storia generale, poté stimolarlo [15].

 

L’ipotesi che R. fosse intervenuto nella redazione della Chronica era gią stata affacciata da Augusto Vasina [16], ed Ź stata accolta dalla Hankey, che l’ha intesa addirittura come una specie di lavoro preparatorio al Pomerium [17].

Un confronto puntuale rivela come sostanzialmente esatta la valutazione di Ropa, ma offre qualche ulteriore motivo di riflessione. In piĚ di un punto il Pomerium spiega o interpreta il testo della Chronica. Ad esempio, nella vita di Eleucadio (Pomerium VI, 5, 3), il «cuius doctrina floret officio Sancta Ravennensis mater ecclesia» della Chronica Ź reso da R.: «Hic cantum edidit ecclesie Ravennatis» [18]; di Severo dodicesimo vescovo la Chronica ricorda la sepoltura a Classe, e R. precisa (12): nella chiesa che porta il suo nome; nella vita di Orso la Chronica menziona la chiesa intitolata «Anastasis», e R. aggiunge (17): «id est ‘Sancta Resurrectio’»; Pietro, ventiduesimo vescovo, nella Chronica «Chrysologus dictus», Ź nel Pomerium (22) «dictus ‘Ravennas os aureum’». Se R. trascura l’indicazione di anno e le date obituarie, come esattamente notato da Ropa, non rare sono le aggiunte del Pomerium.

 

Chronica

col. 189

Liberius XVI vir sanctus, lactifluam habens eloquentiam. Suo tempore occisus est Valentinianus Augustus, et multi vulnerati. Sepultus est in monasterio Sancti Pullionis, III Kal. Januarii celebratur.

Pomerium

16

Liberius Tertius, eloquens predicator in civitate Ravenna;e, archiepiscopus eius tempore Valentiniani. Qui augustus occisus fuit a Ravennatibus extra portam ... , non longe ad stadium tabule prope campum Coriandri; propter quod seditio magna fuit in populo, et multi vulnerati in loco ubi dicitur ‘Puteus benedictus’. Sepultus est dictus Liberius in monasterio Sancti Pullionis, quod suis temporibus edificatum fuit non longe a porta Nova

 

202

Maurus XXXV, qui excommunicavit Papam.

35

Maurus. Hic excommunicatus a papa eum etiam excommunicavit.

 

Ma la differenza piĚ vistosa, e fino ad oggi non notata, Ź l’omissione nel Pomerium di ben undici vescovi, dieci dei quali saltati in blocco: R. va da Giovanni Settimo, quarantacinquesimo arcivescovo, a Costantino (per lui dunque quarantaseiesimo), mentre la Chronica elenca tra l’uno e l’altro altri dieci presuli. La copia da cui deriva R. forse era difettosa, o si tratta di una distrazione dello stesso ferrarese? Che sia colpa di un copista Ź difficile credere, soprattutto perché giunto al cinquantanovesimo (per la Chronica) vescovo, un Giovanni «XI», R. scrive coerentemente per lui «Octavus». PiĚ avanti il Pomerium salta ancora Himfrido, sessantasettesimo (per la Chronica) presule.

La Chronica ravennate appare quindi evidentemente gią formata [19] ed utilizzata dal nostro, e va completamente abbandonata l’ipotesi opposta, che egli stesso ne sia stato l’autore. In piĚ va notato che questa cronichetta accompagnava il libro di Agnello, insieme ad una serie di altri scritti relativi ai primi eroi della storia cristiana ravennate, cosď come Ź nel codice estense utilizzato dal Muratori, scritti che ugualmente R. ebbe come fonti privilegiate. Anzi solo quelli utilizzė per la storia di Ravenna, se si esclude quanto in proposito poteva trarre dalle opere narrative di impianto piĚ generale, come quelle di Girolamo, Prospero, Eutropio, Paolo Diacono, Iacobo da Varagine. In I, 35 ricordė la nascita della cittą traendo dalla cronaca attribuita a Rinaldo da Concorrezzo, che indicheremo come Chr. Rav., la quale, esattamente come quella pontificale, gią si trovava formata quando R. l’adoperė, e che fu proseguita con l’aggiunta di notizie successive al 1295 (inizio dell’arcivescovato di Obizzo) fino al 1346; in IV, 5, 29 ricordė i martiri Ursicino e Vitale, traendo dalle passioni relative, che erano ugualmente nel corpus che affiancava il libro di Agnello; in 6, 23 menzionė il martirio di Apollinare, traendo da Agnello, ed al successivo 25 ricordė Ruffo, traendo dalla vita di Apollinare [20]; in 39, 4 trasse dalla Chr. Rav. la notizia di Graziano che si associa all’impero Teodosio; in 41, 8 dalla stessa fonte per la costruzione della chiesa ravennate di San Lorenzo, ed al successivo 14 qualche altra notizia relativa a Galla Placidia, cosď come in 43, 22, 29-30 e 32, mentre in 33 tornė ad adoperare Agnello; in 44, 1-2 trasse dalla Chr. Rav. materiale relativo a Teodosio II; in 45, 12 la fonte del racconto di Attila a Ravenna Ź Agnello; in 49, 7 approfitta della Chr. Rav. per il regno di Teodorico, e qualche altra notizia riversa in 98, 6, 35-36; 99, 5, 7, 9, 11.

Attenzione per Ravenna tutto sommato modesta, dunque, nonostante il titolo, la dedica ed il catalogo finale. In realtą l’orizzonte di R. Ź molto piĚ ampio, senza limiti nei limiti delle sue letture, cronologicamente e spazialmente [21]. Sono le fonti a fargli via via restringere il campo visivo prima all’Italia, poi alla Lombardia, in senso latissimo come si intendeva allora, alla Marca Trevigiana, alla Romagna, con excursus su fatti di rilevanza mondiale dell’impero e papato. Gią il punto di partenza, Girolamo, lo aveva per dir cosď condizionato: se voleva mantenere sostanziale coerenza con la scelta iniziale doveva continuare a guardare dall’alto. Storia eminentemente ecclesiastica dapprima, ma poi storia eminentemente civile. Quella gloriosa di Roma passata, innanzi tutto. Dispone di un concentrato, quello di Eutropio, che usa a fondo. L’opera gli Ź nota con il titolo di Historia Romana nella normale versione di Paolo Diacono [22], e R. sa ben distinguere l’apporto dei due [23]. Di altro ancora non dispone: al tempo del Pomerium, ed ancora quando aggiunge e corregge, vale a dire fino al 1303, R. non ha raggiunto Pompeo Trogo. In II, 14, 1 ne storpia il nome, desumendolo da Orosio, in «Grophus» (i copisti piĚ avvertiti di e e Vall2 correggono in : «Trogho» e : «Trogo»). Non possiede ancora Giustino. Ma Livio sď. Tutto Livio, anche la IV decade, ma non ne approfitta. Ora, che non posso piĚ incorrere nell’ira di Giuseppe Billanovich, oso dire che sono fermamente convinto che sia stato proprio R. a portare il Livio pomposiano a Padova, ed a mettere a parte del tesoro chi ne avrebbe fatto un uso piĚ massiccio e nuovo. Non ci si deve stupire se il ferrarese non ha riversato nelle sue opere storiche tutti libri che si era guadagnato: basti pensare al Vat. lat. 3834, contenente una serie di opere minori di Agostino, che Campana ci ha detto essergli appartenuto [24]: non se vede la piĚ piccola traccia in alcuno dei suoi lavori. Non tutto sentiva la necessitą di ripetere, ma solo quello che egli riteneva utile per le finalitą del singolo lavoro che volta a volta componeva.

Delle altre fonti adoperate da Riccobaldo, come e dove se le sia procurate, non sappiamo nulla. Alcune erano talmente diffuse da rendere quasi irrilevante la questione del loro reperimento; Ź il caso di Pietro Comestore, Martin Polono, e della Legenda aurea di Iacobo da Varagine. Di quest’ultima pare perė che avesse presente per intero solo la vita di san Pelagio, per quanto Ź possibile traesse qua e lą casualmente dall’abbondantissimo materiale lď offerto.

Non ci risulta ancora nulla delle letture e delle sue eventuali scoperte a Reggio, dove sappiamo per certo era nel 1290 [25]. Se per Prospero sappiamo, dalla stessa bocca del ferrarese, che lo vide e studiė a Nonantola, scorrendo i cataloghi dei libri dell’abbazia ci assicuriamo che lď erano almeno alcune delle fonti del Pomerium. Accanto a Prospero [26] troviamo infatti Orosio [27], Papia [28]. C’erano moltissime opere di Girolamo, ma non il Chronicon, il che rende ragione dell’emozione suscitata dal suo rinvenimento in Ravenna; non c’era il De consolatione di Boezio, ma c’era Eutropio [29], non c’era l’Historia Langobardorum di Paolo Diacono, ma c’era Rufino [30], e naturalmente la Vita di S. Anselmo [31]. Per Nonantola ricordiamo che il codice nonantolano della Vita Anselmi, del secolo XI, ora disperso, conteneva anche: il catalogo degli abati nonantolani, due epistole di Gregorio Magno ed una di papa Sergio a Leopardo abbate, la vita e traslazione di san Silvestro, un privilegio di Costantino alla chiesa romana, una vita ed epistole di Adriano I, e poi, in un altro quaterno di mano del secolo XIII, «Cosme mirifico sapientum dogmate pleno monachichus cetus Silvestri corpore fretus, quo Passio s. Theopompi et Thomae continetur; duo quaterniones manu s. XII inc. continent Translationem ss. mart. Theopompi et Synesii, post a. 1062 scriptam»; un’altra redazione della vita e lettere di Adriano I ed infine, di altra mano del sec. XI in uno spazio lasciato vuoto, De obedientia et honore et humilitate quam rex Pipinus Stephano pape exhibuit. Ai corpi di Senesio e Teopompo conservati a Nonantola fa esplicito riferimento R. in IV, 66, 4. Infine nel Sessoriano 63 Ź un elenco di papi fino a Pasquale II [32].

Altre fonti sono decisamente inconsuete: il francese Rigord, Solino. La cronichetta di Isidoro Iuniore era ben nota. La Hankey dice [33] che il “Mileto” di R. «seems a slightly different copy of Isidore Iunior’s chronicle», e cita come prova il passo di IV, 33: «Tradit Miletus in cathalogo suo augustorum quod hic ultimis vite diebus ab Eusebio episcopo Nicomedie baptizatus in arrianum dogma delapsus est», che deriva da Is. Chr. 334: «Constantinus autem in extremo vitae suae ab Eusebio Nicomediensi episcopo baptizatus in Arrianum dogma convertitur [var. (334a) lapsus est]». Francamente non vedo come si possa pensare ad una «slightly different copy».  Non diffusissimo era invece il De ortu et obitu Patrum di Isidoro [34]. Forse ha qualche cosa di Giustino. Certo ha gią l’Adversus Iovinianum di Girolamo, che l’Hankey ritiene una conquista del tempo delle Historie [35], come l’Historia Langobardorum [36]. Non usa nel Pomerium, ma sicuramente gią possiede, l’Anonimo geografo Ravennate, che poteva trovare solo a Ravenna, ma che metterą a frutto solo nel tardo De locis.

E gią possiede materiale di provenienza padovana, il cosiddetto Chronicon Marchiae Tarvisinae et Lombardiae che un ignoto chierico (di Santa Giustina?) ha appena finito di comporre, e lo copia in lungo ed in largo, come ho gią illustrato [37], ma non certo acriticamente.

Conosce ancora l’Ars Poetica, Carmina e Satirae di Orazio; Lucano; di Cicerone Ad Herennium, De Officiis, De Divinatione, Laelius, Pro Deiotaro, Pro Ligario, Pro Marcello; di Seneca usa i dialoghi De ira, De consolatione, Ad Helviam; la Storia naturale di Plinio; conosce il De civitate Dei di Agostino; il De Viris Illustribus di Girolamo; i Disticha Catonis; Claudiano; lo Pseudo Turpino, Bernardo Tesoriere.

Ed al tempo della Compilatio? Passiamo in rassegna l’edizione.

 

 

Prologo

p. 1 r. 3: genialis relegato in apparato, Ź preferibile in quanto lectio difficilior, come mi confortava per lettera Giuseppe Billanovich, a genitalis del testo; fra l’altro, in questo caso l’edizione si distacca dal criterio annunciato (p. XXXVI) di preferire normalmente la lezione di F.

 

De septem etatibus mundi

Ripete in maniera ridotta Pomerium I, 1. L’unica fonte indicata dall’edizione per il primo paragrafo Ź la cronaca di Girolamo, che Hankey adopera nell’edizione di J. K. Fotheringham, London 1923. Come gią detto nell’Introduzione alla mia edizione crit. del Pomerium (testo compreso tra le note 83-86) ci si deve rifare all’edizione della Patrologia invece che alle edizioni moderne. Qui la successione delle fonti Ź: Is. Chr. 2a; Hier. Chr. col.57; Is. Chr. 18a-19; Hier. Chr. col. 57; Is. Chr. 33a; Hier. Chr. col. 58; Is. Chr. 106a; Hier. Chr. col. 58; Is. Chr. 166a; Hier. Chr. col. 59; Hier. Chr. 1496; Is. Chr. 237a; Hier. Chr. col. 59; Hier. Chr. 2044 (dove si ricorda esplicitamente il battesimo di Cristo, per cui «baptismum seu» non va tra parentesi angolari); Aug. XXII, 30.

Per il secondo paragrafo l’edizione rimanda ad Agostino e Girolamo. La successione delle fonti Ź: Aug. XXII, 30 (ma allora «septima etas Sabbato comparatur» di R. Ź tratto dal «septima erit sabbatum nostrum» di Agostino, e non va tra parentesi angolari); PC Ev. V («De nativitate Salvatoris... fluxerant quidem ab Adam anni quinque milleni centum nonaginta sex, alii nonaginta novem», con R. che sceglie la seconda cifra). Alle altre cifre R. arriva con calcoli suoi, cosď come aveva fatto nel Pomerium (I, 1): sottraendo agli anni gią stabiliti trascorsi tra Adamo e la nascita di Cristo (5199) gli anni passati tra la creazione del mondo e il diluvio (2242) di cui ha detto nel precedente paragrafo, ottiene gli anni tra diluvio e nascita di Cristo (2957); gli anni da Abramo a Cristo li trova in Hier. Chr. 2015; sottraendo agli anni da Abramo a Cristo (2015) quelli gią stabiliti nel paragrafo precedente da Abramo all’esodo (505) ottiene gli anni dall’esodo alla nascita di Cristo (1510); sottraendo agli anni da Abramo a Cristo (2015) quelli gią stabiliti nel paragrafo precedente da Abramo all’esodo (505) e quelli dall’esodo alla costruzione del tempio di Salomone (479) ottiene gli anni tra la costruzione del tempio e la nascita di Cristo (1031): ora nel Pomerium (I, 1, 11) Ź un errore comprensibile come semplice refuso (1032), ma qui l’edizione sceglie inaccettabilmente la lezione - prevalente numericamente - «mille trecenti unus» contro l’attestata in CKH «MXXXI»; sottraendo agli anni da Abramo a Cristo (2015) quelli da Abramo all’esodo (505), quelli dall’esodo alla costrizione del tempio di Salomone (479) e quelli tra il primo ed il secondo tempio (512) ottiene gli anni tra la il secondo tempio e Cristo (519).

 

De temporibus prime etatis

Ripete ridotto Pomerium I, 3-4. Qui la fonte identificata Ź genericamente PC Gn. XXV, XXVII-XXIX. La successione delle fonti Ź: PC Gn. XXV; XXVIII («In prima enim creatione unica unico facta est mulier»); di nuovo XXV; XXVIII («Caym et uxore» deve esser un refuso per «Caym ex uxore»), dove perė Ź da notare un errore dovuto a sintesi eccessiva: il Comestore distingueva nettamente Jabel, pastore innovativo, da suo fratello Tubal, inventore dell’arte musicale, e cosď esattamente ripete il Pomerium I, 4, 1-2 (dove invece di Tubal Ź Iubal); qui Iabel Ź detto semplicemente inventore della musica.

 

De successionibus Adam

Il cap. ripete in maniera piĚ concisa Pomerium I, 5-6. L’edizione indica come fonte Is. Chr. 4-10. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 12-13, 15; PC Gn. XXXI.

 

De secunda etate mundi

Ripete in maniera molto piĚ concisa Pomerium I, 7-13.

Le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. e Is. Chr. 19-31. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. col. 57; PC Gn. XXX; XXXIII, XXXV, XXXVII, Is. De obitu IV, 9. Ancora qualche cosa non va: Comestore, che R. segue qui come nel Pomerium, dice che Noé entra nell’arca  «sexcentesimo anno vitae suae», e ne esce «revoluto anno»; qui l’edizione sceglie «sexcentesimo uno ingressus est», che sembra errore per anno, visto che «DC» si trova semplicemente nelle edd. settecentesche e nel Pomerium. La successione delle fonti prosegue con PC Gn. XXVII; Hier. Chr. col. 57; PC Gn. XXXVII; Hier. Chr. col. 72; PC Gn. XXXVII; Is. Chr. 19; PC Gn. XXXVIII; Hier. Chr. coll. 72-73 (non si capisce perché qui Sala viva «annis trecentis tribus», mentre Girolamo, Pomerium I, 13, 4 e gli edd. settecenteschi della Compilatio hanno concordi e senza varianti «CCC»); Is. Chr. 22-24; Hier. Chr. col. 73; Is. Chr. 26-27; Hier. Chr. col. 73; Is. Chr. 28;Hier. Chr. coll. 73 e 78 (e il «Sicyniorum» manoscritto - ripetuto identico in Pomerium I, 13, 9 – non va corretto in «Syci[o]niorum»]) e di nuovo 73-74; PC Gn. XXXVII; Hier. Chr. col. 57.

 

De tertia etate mundi

Ripete in maniera molto piĚ concisa Pomerium I, 14-30 e II, 1-5.

Per il primo paragrafo (sottocapitolo?) le fonti indicate dall’edizione sono il libro biblico della Genesi, capp. 9-10, Is. Chr. 31, 23-30, 32a; Iust. 1, 10 – 2, 9. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. col. 76 (e bisognerą correggere il «quadragesimo secundo» anno del regno di Nino in «XLIII», come si trova in Girolamo e ripete Pomerium I, 30, 1); coll. 107-09; Hier. Chr. 6; col. 109 (e mi pare si debba mantenere «post» ed omettere «obiit; uxor successit», che non Ź nella fonte, nellle edd. settecentesche e in Pomerium I, 16, 2); Or. I, 4, 4-5; Is. Chr. 33; PC Gn. XXXVI Add. 1; Hier. Chr. 10; 1, 10; 51 (e qui il paragrafo sul primo giubileo ebraico appare strano, sia perché non corrisponde agli anni da Abramo in Girolamo (50 invece che 51), sia perché non ne Ź traccia né nelle edd. settecentesche né nella parte corrispondente del Pomerium); 75, 86; 99 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 2); PC Gn. XLIV; Or. I, 15, 6-10; PC Gn. LXIII; Hier. Chr. 51; 161 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 4, 5); 160-61; 175; PC Gn. LXXI; LXXXV. Non si vedono derivazioni possibili da Giustino.

Per il secondo paragrafo le fonti indicate dall’edizione sono il libro biblico della Genesi, cap. 25 e Hier. Chr. 226, 260, 236. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 181, 226, 211, 222 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 4, 12); PC Gn. LXXVI; LXV; Hier. Chr. 247-49, 251-52; 254; Or. I, 7, 3.

Per il terzo paragrafo la fonte indicata dall’edizione Ź Hier. Chr. 280-431. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 280 (e in accordo con la fonte – ripetuta identica in Pomerium II, 5, 1 – l’anno va corretto in «CCLXXX»), 268, 282; Or. I, 8, 3; Hier. Chr. 300-01, 307, 291, 382; PC Gn. LXXXVI (e quindi la notizia sul primo uso degli anelli non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 361, 400, 426; Is. Chr. 43; 46-47; Aug. 18, 8 e 39.

Per il quarto paragrafo la fonte indicata giustamente dall’edizione Ź Aug. 18, 8 e 39.

Per il quinto paragrafo la sola fonte indicata dall’edizione Ź Hier. Chr. 448-492. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 443; 466 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 8, 7); 469; Is. Chr. 51; Hier. Chr. 491; Or. I, 9, 1. Anch’io non sono ancora riuscito a trovare la fonte della notizia su Giobbe.

 

De quarta etate mundi

Il cap. ripete in maniera piĚ concisa Pomerium II, 9-11.

Per il primo paragrafo le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 503-545, forse Is. Chr. 49-50; Beda 48 (con una correzione). La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 505; PC Ex. XIII (ed allora la notizia su Aronne non va tra parentesi angolari); XXXVIII-XXXIX; Is. Chr. 55; PC Ex. XXIV; Is. Chr. 49-50; Hier. Chr. 534; PC Ex. XXIV; Hier. Chr. 534; 545 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 1); 546 (non corrispondono gli anni forniti da Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 1); la menzione di Beda viene da PC Js III: «Secundum Hebraeos… quasi fluxissent ab initio mundi anni duo millia quinginti quinquaginta… Secundum LXX vero, longe plures… Beda quoque… probat de praedicta summa annorum septem annos defuisse».

Per il secondo paragrafo le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 550-601; Is. Chr. 61-62. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 554 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 2); 553 (ma, in accordo con la fonte e Pomerium II, 10, 2, bisogna emendare:  integrare con «Neptuni et» prima di «Libie»); 503; 560; Plin. V, 75-76 (ed allora il passo «a quo-Ptolomayda» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 570; 580 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 7); 583; Is. Chr. 62 (ed allora il passo «qui primus-invenit» non va tra parentesi angolari); PC Ex. XXIV (ed allora il passo «et usum vitis ad vinum» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 590 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 12); 602; Is. Chr. 60 (ed allora il passo «iunxit-qui» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 604; 612 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 10, 18 il fatto Ź segnato sotto l’anno 612, quindi qui bisogna integrare: «DC[II]»); 613; 620; 631 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 25); 641.

Per il terzo paragrafo le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 635-754; Is. Chr. 74. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 634 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 10, 26 il fatto Ź segnato sotto l’anno 630); 648 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 27); Or. I, 12, 4; Hier. Chr. 667 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo); 669; 670; 682; 689 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 10, 38 il fatto Ź segnato sotto l’anno 680); 693; 709 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 10, 42 il fatto Ź segnato sotto l’anno 700); 705; Is. Chr. 74; 75; Hier. Chr. 730; 570; 736; 747; 752 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 10, 52 il fatto Ź segnato sotto l’anno 732); 750; 757; 779; Or. I, 14, 1-2.

Per il quarto paragrafo le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 768-835. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 766; 767 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 57); 782; 767; 775; 778 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 10, 64 il fatto Ź segnato sotto l’anno 797); 783; Or. I, 13, 1 (ed allora il brano «Exitiale-DLX» non va tra parentesi angolari); 767 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo); 795 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 66); 810 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 10, 67); PC Jdc XI Incid.; Hier. Chr. 803; 807; 809 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 11, 2); 811; 812; 815; 821; 813; 817; 819; 820 (lo stesso anno in Pomerium II, 11, 9, quindi qui bisogna emendare: «DCCCXX(I)»); PC Jdc XVI Incid.; Hier. Chr. 827; 830; 829 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 11, 12); 834; 836; Is. Chr. 95.

 

De tempore Troie capte

Abbrevia Pomerium II, 12.

Le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 835-980 e So. 1, 28. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 95; Hier. Chr. 836 (l’anno fornito da Pomerium II, 12, 1 Ź 835: l’«DCCCXXXII» qui mss. va dunque corretto in accordo col Pomerium); gli anni secondo Girolamo sono calcolati da R.: poiché la fondazione di Roma Ź segnata nel Chronicon all’anno 1265 da Abramo, sottraendo 835 da 1265 si ottiene 430 - come gli conferma Or. I, 17, 1 -, e cosď appunto Ź scritto nel Pomerium; quindi il «quadringentis triginta uno» edito qui va emendato in «quadringentis triginta» in accordo col Pomerium; la successione delle fonti prosegue con So. 8, 4-5; anche gli anni trascorsi dalla fondazione di Troia sono calcolati in proprio: 835-709 (anno fissato da Girolamo) dą 126, con l’errore di una unitą, ben comprensibile (bastava che R. avesse letto della nascita di Ilio all’anno 710); di nuovo Hier. Chr. 836 («Acandre» Ź anche in Pomerium II, 12, 3, quindi non si deve correggere qui in «A[l]chandre»); Is. Chr. 97; Papias s. v. Carmentis; Hier. Chr. 841; Is. Chr. 96; di nuovo Hier. Chr. 841; 855; 854; 860; 861; 909; 900; 937 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 12, 17 il fatto Ź segnato sotto l’anno 930); 940; 980.

 

De quinta etate mundi

Abbrevia Pomerium II, 12, 22-17.

Le fonti indicate dall’edizione per il primo paragrafo sono Hier. Chr. 980-1197, Is. Chr. 116 o Aug. 18, 23, Or. 2, 3, 2. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 112; Hier. Chr. 987 (ma Girolamo fornisce la cifra 480, non 478); 1012; Is. Chr. 116; Hier. Chr. 1036; 1027, 1094 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 13, 10 il fatto Ź segnato sotto l’anno 1080); PD HR I, 1; Hier. Chr. 1091 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 13, 12); 1104; 1100; 1106; 1112 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 13, 13); 1125; 1131 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo, ma sono gli stessi di Pomerium II, 13, 16); 1147 (non corrispondono gli anni dalla nascita di Abramo in Girolamo; in Pomerium II, 13, 17 il fatto Ź segnato sotto l’anno 1130); 1150; 1183; 1177; Or. II, 3, 2 («Arbace», oltre che in Orosio e Girolamo, Ź anche in Pomerium II, 14, 2, e quindi qui non Ź da correggere «(B)arbacem»); Hier. Chr. 1197.

Le fonti indicate dall’edizione per il secondo paragrafo sono «probabilmente» Hier. Chr. 1198-1260, Or. 1, 21, 1, 4, 2, 4, 1. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1198; col.84; 1457; PC Dn XIII; Hier. Chr. 1457-1687; 1587; coll. 85-86; 1988; PD HR VII, 6-7; Hier. Chr. 1197; 1208 («Esydorus» Ź sicuramente da emendare: «Esiodus», in accordo con la fonte e Pomerium II, 14, 7); 1198 («Sydon» Ź sicuramente da emendare: «Fidon», in accordo con la fonte e Pomerium II, 14, 8); 1197 («Phocas» Ź sicuramente da emendare: «Procas», in accordo con la fonte e Pomerium I, 34, 20); 1208; 1240; Or. II, 4, 1; Hier. Chr. 1240 (nell’edizione Helm Ź registrata in apparato la variante «CCCCVI», che Ź propria del testo utilizzato da R.); 1232; 1239; Or. I, 21, 3-6; Hier. Chr. 1245; 1253; 1250; 1259.

 

De tempore urbis Rome condite

Le fonti indicate dall’edizione per il primo paragrafo sono Hier. Chr. 1262; Or. 2, 4, 1, Eutropio (non ci vien detto quale edizione) 1, 1, 18-19. Le fonti sono: Hier. Chr. 1264 (in Pomerium III, 1 nota 1 spiego la differenza con la data fornita da R.; in base a quelle stesse considerazioni credo che l’anno della sesta olimpiade qui vada corretto in «secundo»); PC Ev V; PD HR I, 1 (l’anno dalla distruzione di Troia Ź secondo PD il 419; R. in Pomerium III, 1 scrive «CCCCXXVIII» (non ci sono varianti); poiché R. ha fissato la data della distruzione di Troia all’anno 835 da Abramo (vedi anche qui sopra), collocando la fondazione di Roma al 1262, doveva calcolare 1262-835, che dą perė 427, con l’errore di una unitą; anche accogliendo la data 832 da Abramo, proposta dall’edizione della Compilatio per l’eccidio di Troia, 1262-832=430, non il «quadringentesimo tricesimo uno» che qui l’edizione ci propone; credo faccia testo il Pomerium).

 

De primo rege romano

Abbrevia Pomerium III, 2-4.

Le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 1265-1303. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1264; 1267 (ed Ź chiaro che la lezione esatta Ź «Milesii»); PD HR I, 2; Hier. Chr. 1270; non ho trovato la fonte della notizia su Tobia, che mi sembra un’inserzione strana, visto che non ha parallelo nel Pomerium, e che giudico non di R.; 1277; 1278; 1296; di nuovo 1277; Liv. I, 16, 1 (e «in campo Martio» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 1302.

 

De Numa rege secundo

Abbrevia Pomerium III, 5-6.

Le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 1302-1338; Liv. 1, 18, 6. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1302 (in accordo con la fonte e Pomerium III, 5 bisogna emendare «XL» e «quadraginta» in «XL[I]»); 1324; 1326 (in accordo con la fonte e Pomerium III, 6 bisogna emendare «Phasellus» in «Phaselis»); 1334; 1332; 1349; Liv. I, 19, 6; Is. Chr. 152; Hier. Chr. 1323; 1305 (e «Esayas-occiditur» non va tra parentesi angolari).

 

De Tullio rege tertio

Abbrevia Pomerium III, 7-8.

Le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 1343-1367; PD HR 1, 4. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1344; PC IV Reg XXXIII Incid.; Hier. Chr. 1352 (e la lezione esatta in accordo con la fonte e Pomerium III, 8, 1 Ź naturalmente «Archilocus»); 1364; 1347; 1359; PD HR I, 4; Hier. Chr. 1362; 1369; 1354.

 

De Anco rege quarto

Abbrevia Pomerium III, 9-10.

Le fonti indicate per il primo paragrafo dall’edizione sono Hier. Chr. 1376-1393. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1376 (in accordo con la fonte e Pomerium III, 9 bisogna emendare «quattuor» in «XXIII»); 1395; 1383; 1388; 13921386 (e la lezione esatta in accordo con la fonte e Pomerium III, 10 Ź «Cirene»); 1387; 1388; 1391.

Per il secondo paragrafo la fonte indicata Ź Aug. 18, 24-25. Le fonti sono Hier. Chr. 1376; Aug. 8, 2-13 («et astrologus», «Archelaus eius» e «Aristotiles illius» non vanno tra parentesi angolari).

 

De Tarquinio Prisco rege quinto

Abbrevia Pomerium III, 11-12.

Le fonti indicate per dall’edizione sono Hier. Chr. 1399-1433, con aggiunte da Eutropio 1, 6 o PD HR I, 6, e Iust. 20, 5, 8. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1399; 1418; PD HR I, 6; Hier. Chr. 1403; 1404; 1407 («et vasa-aufert» non va tra parentesi angolari); 1417; 1426; 1422; 1457; Iust. 20, 5, 8; Hier. Chr. 1412; 1433; 1405; 1468.

 

De Tullio rege sexto

Abbrevia Pomerium III, 13-14.

Le fonti indicate per dall’edizione sono Hier. Chr. 1436-1456, Eutropio I, 7. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1436 (e la lezione esatta in accordo con la fonte e Pomerium III, 13 Ź «Servius»); PD HR I, 7; PC IV Reg XLVI Incid.; Is. Chr. 165; Hier. Chr. 1447; 1457; Or. I, 19, 6.

 

De Tarquinio Superbo rege septimo

Abbrevia Pomerium III, 15-20.

Le fonti indicate dall’edizione sono Hier. Chr. 1469-1504, Or. 2, 6, 8 e 8, 1 e probabilmente Liv. 1, 57-59. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1470; 1476; 1490; 1486; PD HR I, 9 (e «honesta» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 1494; 1492; 1457; Or. II, 6, 12 e 9 (in accordo con la fonte e Pomerium III, 18 bisogna correggere «quingentorum» in «CC»); poi ancora 12 (e «et ei capto parcit» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 1486; Or. II, 7, 6 ( e «capite desecto» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 1496; PC Dn XX; Jdt I (e «Damasci» non va tra parentesi angolari); PD HR I, 8.

 

De sexta etate mundi

Qui amplia leggermente Pomerium III, 21, 1.

Le fonti indicate per dall’edizione sono Hier. Chr. 1496, 1501. Basta la prima indicazione.

 

De rebus gestis a Romanis post reges exactos

Abbrevia drasticamente Pomerium III, 21-46.

Le fonti indicate per dall’edizione per il primo paragrafo sono Hier. Chr. 1510-1657, Or. 2, 8, 1 e 9. La successione delle fonti Ź: Or. II, 5, 1; PD HR I, 9; Hier. Chr. 1512 (Girolamo dice «CXX» mila, ma «CXV» Ź anche in Pomerium III, 30, 2); 1516; PD HR X, 12; Hier. Chr. 1520; 1531; 1550; 1546; 1556; 1550; 1556; 1558; 1545; 1576; 1548; 1579; Or. II, 9, 1-3.

Le fonti indicate dall’edizione per il secondo paragrafo sono Liv. 3, 32 o Or. 2, 13, 1-2, Hier. Chr. 1580-1657, Iust. 20, 5, 8. La successione vera delle fonti Ź: Hier. Chr. 1556; PD HR I, 18; Hier. Chr. 1563; 1581; 1582; 1581; 1588; 1592; 1610; 1620; 1621; Is. Chr. 184; Hier. Chr. 1615; 1617; 1554; 1616; 1580; 1590; 1617; 1643; 1625; Iust. 20, 5, 8; PD HR II, 1-3; Hier. Chr. 1653; PD HR II, 6; Hier. Chr. 1650; 1657; 1653.

 

De rebus gestis orto Alexandro Magno

Abbrevia drasticamente Pomerium III, 47-83.

Le fonti indicate dall’edizione per il primo paragrafo sono Hier. Chr. 1660-1695, Eutropio 2, 9 oppure PD HR 2, 9 oppure Or. 3, 15, 10 e 20. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1661; 1671; 1677; Or. III, 15, 2; 16, 1; Hier. Chr. 1687; PD HR II, 8-9; Or. III, 20, 4; Hier. Chr. 1692; 1693; 1697; 1696.

Le fonti indicate per il secondo paragrafo sono Hier. Chr. 1704-1785, Cic. De of. 2, 23, 81, con aggiunte da Or. 4, 1, 1-5 e 19-1, 22, 7 oppure PD HR 2, 11-15. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1711; 1717; 1723; PD HR II, 9; Hier. Chr. 1724; Or. IV, 1, 1-6; 6, 1; Hier. Chr. 1735; PC Est VII (che fornisce il numero «72»); Or. IV, 1, 20; 2, 3-7; PD HR II, 16; Hier. Chr. 1733; PC Est VII Incid. (dove la costruzione del faro di Alessandria Ź segnata sotto il regno di Tolomeo); Or. IV, 7, 1; Hier. Chr. 1747; 1745; Cic. De of. II, 81; Or. IV, 8, 5-7; Hier. Chr. 1773; 1776; 1785.

 

De bello Punico secundo gesto ab Anibale

Abbrevia drasticamente Pomerium III, 91-289.

Fonti indicate per il primo paragrafo: Or. 4, 14, 1, Hier. Chr. 1794-1838, con aggiunte da Or. 4, 20, 12 e 39, 22, 1 e da Cicerone De senectute e De amicitia 4; Liv. 37, 57, 39, 55, 6-8, 38, 53, 8. La successione delle fonti Ź: PD HR III, 7; Or. IV, 14, 1-2 (che fornisce la data «DXXXIIII», ripresa da Pomerium III, 91, 1, cosď da imporre la correzione qui: «DXX[X]IIII»); Hier. Chr. 1814; 1817; Cic. De am. 4; Liv. XXVII, 5, 11; Or. IV, 20, 1 (in accordo con la fonte e Pomerium III, 115 bisogna correggere il «sedecim» in «XVII»); Hier. Chr. 1793; 1833; 1852; 1838; 1859; 1830; Or. IV, 20, 12; Liv. XXXVII, 57, 7-8; Hier. Chr. 1831; Or. IV, 20, 29 (in accordo con la fonte e Pomerium III, 125, 1 bisogna correggere «Literni» in «Amiterni», possibile lettura per E); Liv. XXXIX, 55, 7.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: Hier. Chr. 1853-1940, Or. 4, 23, 1, 2, 6, 5, 7, 1, 10, 11, 2-5 e PD HR 4, 17, 20, 23; Cic. De am. I, x. La successione delle fonti Ź: Or. IV, 20, 39; PD HR IV, 7; Or. IV, 22, 1; Hier. Chr. 1857; 1861; 1863; Or. IV, 23, 1-6; anch’io non son riuscito a trovare la fonte della notizia sull’Africano minore adottato dal maggiore; PD HR IV, 11; Hier. Chr. 1870; 1860; 1870; 1875; Or. V, 10, 11; 11, 1-5; PD HR IV, 23 (ma il nome di Muzio Scevola crea un fraintendimento: sicuramente il copista ha confuso una nota relativa a quest’ultimo, quella che Ź in Pomerium III, 163 e che qui viene riportata piĚ sotto, «de Dalmatia triumphatum est», immediatamente dopo la fondazione di Narbona - consoli M. Porcio Catone e Q. Rege - in 162); Hier. Chr. 1878 (ma non so di dove tragga la notizia che il monte Achiano impedisce di vedere Fano da Pesaro; forse Ź frutto di esperienza diretta); 1887; PD HR IV, 23; Or. V, 12, 1; Hier. Chr. 1901; 1909; Or. V, 15, 1; 1916; 1922; 1926; 1929; Cic. De am. 1 (non vedo perché la notizia sia tra parentesi angolari); Hier. Chr. 1931; 1930; 1935; 1939; Or. V, 19, 3; 21, 12; Hier. Chr. 1938.

Fonti indicate per il terzo paragrafo: Caes. BC I, 15, 4; Iust. 40, 1-2, Or. 6, 7, 1-2, 15, 29-32, 16, 4, Hier. Chr. 1958, 1962, PD HR 6, 23, Vincenzo Bellovacense 6, 42, Orazio Sermones II, 10, 85, Lucano Pharsalia IV, passim. La successione delle fonti Ź: Iust. XL, II, 1-2; Hier. Chr. 1940; 1932; 1947; 1948; 1952; Or. VI, 6, 5; Caes. BC I, XV; PD HR VI, 17; anch’io non ho trovato la fonte per la via Claudia; Hier. Chr. 1958; Hier. Prologus Galeatus; Hier. Chr. 1969 («iuris peritus» dev’essere lettura errata di «orator»); 1967; Or. VI, 16, 8; PC Est VII; Or. VI, 16, 4; 18, 1; PD HR VI, 25; Or. VI, 17, 1-2; Hier. Chr. 1973; Or. VI, 17, 3; PC 2 Mc XVI.

Fonti indicate per il quarto paragrafo: Hier. Chr. 1974-1982, PD HR 7, 5-6, Virgilio Ecl. 10, 72-74. La successione delle fonti Ź: PD HR VII, 1-3; Or. VI, 18, 1 (tutto il brano «Cesare-Augusti» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 1974; 1976; 1982; 1984-85; Or. VI, 19, 8-17; PD HR VII, 7; Hier. Chr. 1988 (dove Ź anche la nota: «de quo Virgilius scribit in Bucolicis», per cui «de quo ait Virgilius» qui non va tra parentesi angolari).

 

Cesar Octavius creatur augustus a populo Romano

Abbrevia Pomerium IV, 1, 1-45.

Fonti indicate per il primo paragrafo: Or. 6, 20, 1-2, 21, 19-21, Hier. Chr. 1988-2011, Martin. p. 444, Vincenzo Bellovacense 6, 103. La successione delle fonti Ź: Or. VI, 20, 1-3; Hier. Chr. 1988; PD HR VII, 8; Hier. Chr. 1989; 1988; 1953; 1989; 1990; 1991; Or. VI, 21, 1-21; non so di dove tragga la nota relativa a Valerio Massimo; Hier. Chr. 1933; 2004; PD HR VII, 9; Hier. Chr. 1983.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: Hier. Chr. 1999-2012. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 1998; 2000-01; la nota sulla nascita di Maria appare veramente strana in questo punto, e non si trova né nel Pomerium né nel Compendium: mi pare sia senza dubbi da espungere come non di R.; Hier. Chr. 2004-05; PC 2 Mc XXV (e quindi il brano «Phaselum-sui» ed «ubi-domus» non vanno tra parentesi angolari); Hier. Chr. 2008; 2012 («filiuam» Ź naturalmente refuso per «filiam»).

 

De tempore nativitatis domini nostri Ihesu Christi

Abbrevia Pomerium IV, 1, 50-66.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2015-2029, Or. 6, 22, 1-5, 7, 2, 5 e 3, 6, Virgilio Eclogue 4, 11-12. La successione delle fonti Ź: Or. VII, 3, 1; Hier. Chr. 2014; 2015; 2016; Or. VII, 2, 14; Hier. Chr. 2020; 2030 (con la nota «cuius etiam Virgilius meminit», e quindi nessuna citazione dalle Egloghe; inoltre «in Bucolicis» Ź sicuramente da espungere come aggiunta non di R.); 2021; Martin. 408, 29; Hier. Chr. 2028 (Girolamo ha «septuaginta millia», ma «sexaginta» Ź anche in Pomerium IV, 1, 60); Hier. Chr. 2021; 2029 (anch’io non so di dove tragga la notizia del sepolcro di Augusto «quod dictum est Augusta»).

 

De Tyberio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 2, 1-14.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2030-2044, 1958. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2030; Or. VII, 4, 1; Hier. Chr. 2033; 1958 (rimane una differenza di due unitą); Hier. Chr. 2033; 2034; 2042; 2044; PC Ev XXX.

 

Principium etatis septime mundi

Abbrevia Pomerium IV, 2, 15-34.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2044-2052, Martin. 408. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2044; PC Ev XXXIII; LXXIII; Hier. Chr. 2047; Or. VII, 4, 13-15 (che perė dice «quartam decimam ea die lunam», mentre qui Ź «quintadecima»; in ogni caso la nota non va tra parentesi angolari); PC Ac XXXVIII; Hier. Chr. 2048; PC Ac XLII; Or. VII, 4, 6-8; Hier. Chr. 2052.

 

De Gaio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 3.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2053-55. La successione delle fonti Ź: Or. VII, 5, 1; PD HR VII, 12 (quindi il brano «Hic-augusti» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 2055; Or. VII, 5, 6; Ruf. II, 4, 2; 5, 2-5; Hier. Chr. 2056.

 

De Claudio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 4.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2057-66, Or. 7, 6, 9-10, 15, 17-18, Ruf. 3, 27-28, PD HR 7, 13, Martin. pp. 409, 444, Sicardo pp. 101, 103, Suetonio D. Cl. 17, 44, Spicilegium Ravennatis Historiae 576C. La successione delle fonti Ź: Or. VII, 6, 1; Hier. Chr. 2057; Martin. 409, 5 (ma gli anni non corrispondono); Hier. Chr. 2058; Or. VII, 6, 9-10. 12; Hier. Chr. 2060; 2061; Chr. Rav. 576; Hier. Chr. 2064; Or. VII, 6, 15. 17; PC Act LXII; Ruf. II, 13, 3-4; III, 26, 1-3; Martin. 444, 43-46; Or. VII, 6, 18; Hier. Chr. 2070. Niente Sicardo, niente Suetonio.

 

De Nerone augusto

Abbrevia Pomerium IV, 5, 1-29.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2073-84, Or. 7, 7, 4 e 12, Sicardo p. 103, Martin. p. 409, Suetonio D. Nero 49. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2071 (in accordo con la fonte e Pomerium IV, 5, 1 per la durata dei mesi di impero si deve scegliere «VII» invece di «octo»); 2057; Martin. 444, 40-41 (ed il brano «Hic-imperatoris» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 2074; 2075; 2077; Ruf. II, 23, 12-16; Is. De obitu 146; Hier. Chr. 2079; 2080; Or. VII, 7, 4; Hier. Chr. 2082; 2080; 2083; 2084; Passio Ursicini 560; Vita Vitalis 558; Hier. Chr. 2084. Niente Sicardo, niente Suetonio.

 

De Galba augusto... De Othone augusto

Abbrevia Pomerium IV, 5, 31-32.

Fonti indicate: Or. 7, 8, 1, PD HR 7, 16-18. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2084; Or. VII, 8, 1. 6-9. La nota «Hi tres-imperaverunt» (di cui mi Ź ignota la fonte) non Ź certo di R., che in Pomerium IV, 5, 31 fa durare la “tirannia” di Galba, Ottone e Vitellio «anno uno» (il Compendium non ne parla).

 

De Vespasiano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 6, 1-25.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2084-93, In Joel c. 3, Ruf. 37, 2, 8, 2-3, Or. 7, 9, 6-11. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2084-86; Ruf. III, 8, 2-6; Martin. 445, 15-17 (con la nota «iuxta quod Iheronimus in exposicione Iohelis prophete refert», per cui «ut ait beatus Ieronimus» non va tra parentesi angolari); Or. VII, 9, 8-10 (in accordo con la fonte e Pomerium IV, 6, 13 «centesimus» va emendato in «[tre]centesimus»); Hier. Chr. 2091; PC Est VIII Incid. Add. 1; Hier. Chr. 2092; Vita Apollinaris 531 e n.

 

De Tito augusto

Abbrevia Pomerium IV, 7.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2094-96, Martin. p. 410. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2094; 2096.

 

De Domiciano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 8.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2096-2112, Iordanes Rom. c. 265 oppure Get. 21, 13, Martin. p. 410. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2096; Martin. 445, 36-37; Hier. Chr. 2103; 2107; 2108; neppure io conosco la fonte delle notizie su Stazio e Giovenale; Hier. Chr. 2113; PD HR VII, 22-23; Martin. 410, 4 («Cletus-episcopus» non va tra parentesi angolari); neppure io conosco la fonte delle notizie su Eutropio e Nicomede; Martin. 445, 35-36 («Dionisius-secunde» non va tra parentesi angolari); Hier. Chr. 2110.

 

De Nerva augusto

Abbrevia Pomerium IV, 9.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2112-13. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2113; 2115 (e tutto il brano «Ignatius-habentur» - ad eccezione della notizia su Vittorino, di cui non so la fonte - non va tra parentesi angolari).

 

De Traiano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 10.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2114-2132, Or. 7, 12, 6-8, Ruf. 3, 32, 3, 33, 2 e 35, Vegezio 2, 10, Martin. p. 410, Giacomo da Varazze (edizione Graesse) pp. 155-156. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2114; 2115; Martin. 410, 30-33; Hier. Chr. 2120; 2123; 2124; Or. VII, 12, 6-8; Hier. Chr. 2130-31; non conosco la fonte delle notizie su Frontino e Giovenale; Hier. Chr. 2116; Martin. 410, 40-45; 446, 17-18; Hier. Chr. 2124; 2129; 2132.

 

De Adriano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 11.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2134-2153, Iordanes Rom. p. 270, Martin. pp. 410-411. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2133; Or. VII, 13, 4; Martin. 410, 47-411, 3; Hier. Chr. 2136; 2147; 2137; 2148; 2149; Martin. 446, 26-28; Or. VII, 13, 5; Hier. Chr. 2153; Martin. 411, 16-20 (in accordo con la fonte e Pomerium VI, 2, 9 bisogna scrivere «Telesphorus»); 410, 49-51; 411, 4-6; non conosco le fonti per i martiri «Eustasius-Iulita»; Martin. 446, 38.

 

De Antonio Pio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 12.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2153-2176, PD HR 8, 9, Martin. p. 411, 446-447, forse Iordanes Rom. c. 272. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2154 (in accordo con la fonte e Pomerium IV, 12, 1 bisogna scrivere «Antoninus»); Martin. 446, 47; 411, 26-29; Hier. Chr. 2155; 2174; Martin. 411, 34-35; Ruf. III, 3; Is. Chr. 275; Hier. Chr. 2156; Martin. 446, 52; 447, 7-12; PD HR VIII, 7 (ancora «Antoninus»); Or. VII, 14, 2.

 

De Antonio Vero augusto

Abbrevia Pomerium IV, 13.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2177-2195, Martin. p. 412. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2177; Martin. 411, 46; Hier. Chr. 2179; 2183; 2184; Martin. 412, 7-10; Hier. Chr. 2184; Martin. 412, 15-18; Hier. Chr. 2195; 2182; Ruf. IV, 15, 1; 1, 19; 15, 5; 16, 1; Hier. VI XXIII; Ruf. III, 31, 2; Iac. a Vor. LA 396; non so di dove tragga le notizie su Gaio, Epodio e Corona, ma come detto nella mia edizione del Pomerium questi elenchi di martiri devono venire dai perduti passionari di Santa Giustina; Hier. Chr. 2195.

 

De Commodo augusto

Abbrevia Pomerium IV, 14.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2196-2208, Or. 7, 16, 1, 3-4 oppure Iordanes Rom. c. 273. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2196; Or. VII, 16, 1; Hier. Chr. 2198; 2203; 2207; Or. VII, 16, 4; Martin. 412, 23; Hier. VI XLII; per gli altri martiri fonte non rinvenuta.

 

De Pertinace augusto

Abbrevia Pomerium IV, 15.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2209, Or. 7, 16, 5, PD HR 8, 16; Martin. p. 412. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2208; PD HR VIII, 17; Martin. 412, 29-34.

 

De Severo augusto

Abbrevia Pomerium IV, 16.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2210-2226, Martin. p. 412. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2207; Or. VII, 17, 1; Hier. Chr. 2219-21; 2225; 2220 nota (e tutto il brano «Anno duodecimo-iubileum» non va tra parentesi angolari); Martin. 412, 29-34. 36; 448, 2. 5; Prosp. 757 (e tutto il brano «Quinta-Felicitas» non va tra parentesi angolari); Martin. 412, 38-41; Hier. Chr. 2227.

 

De Antonio Carcalla augusto

Abbrevia Pomerium IV, 17.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2226-2233, Or. 7, 18, 1-2, PD HR 8, 21, Martin. pp. 412-413. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2227 (in accordo con la fonte e Pomerium IV, 17 bisogna scegliere la lezione «Antoninus»); 2231; 2232; Or. VII, 18, 5.

 

De Macrino augusto

Abbrevia Pomerium IV, 18.

Fonti indicate esattamente: Or. 7, 18, 3, Hier. Chr. 2234.

 

De Aurelio Antonino augusto

Abbrevia Pomerium IV, 19.

Fonti indicate: Or. 7, 18, 4, Hier. Chr. 2235-2239. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2234; Martin. 412, 49-413, 1; Hier. Chr. 2238; Is. Chr. 293; di nuovo Hier. Chr. 2238.

 

De Alexandro augusto

Abbrevia Pomerium IV, 20.

Fonti indicate per il primo paragrafo: Hier. Chr. 2239-2251, Or. 7, 18, 6-8. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2239; Or. VII, 18, 7; Martin. 413, 4-13; Hier. Chr. 2242.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: Martin. p. 413. La successione delle fonti Ź: Martin. 413, 14-21; Iac. a Vor. LA 704.

 

De Maximino augusto

Abbrevia Pomerium IV, 21.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2252-2254, Martin. p. 413, forse Or. 7, 19, 1-2. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2252; PD HR IX, 1; Martin. 413, 22-24; Prosp. 820; Martin. 413, 14-15. 21-22.

 

De Gordiano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 22.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2255, 2260, Liber Pontificalis p. 28, Martin. pp. 413, 448, PD HR 9, 2 oppure Or. 7, 19, 4; Beda cc. 364-365. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2255 (in accordo con la fonte e Pomerium IV, 22 per l’anno la lezione da accogliere Ź «CCXL»); Or. VII, 19, 4; Hier. Chr. 2260; Martin. 413, 25-38; Ruf. VI, 30; Martin. 448, 39-40. Niente Beda, come continuo a sforzarmi di far intendere all’edizione

 

De Phylippis augustis

Abbrevia Pomerium IV, 23.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2261-2267, Or. 7, 20, 1-2, PD HR 9, 3, Sicardo p. 113, forse Ruf. 6, 25. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2261 (in accordo con la fonte e Pomerium IV, 23 per l’anno la lezione da accogliere Ź «CCXLVI»); Or. VII, 20, 2; Ruf. VI, 36, 1. 4 (tutto il brano «Origenes-auguste» non va tra parentesi angolari); 2. 15; 19, 13; 31, 1; Hier. Chr. 2267; 2268.

 

De Decio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 24.

Fonti indicate: probabilmente Beda c. 376, Sicardo p. 113, PD HR 9, 4. La successione delle fonti Ź: Martin. 449, 9; non so di dove tragga le notizie su Trifonia, certo né da Beda né da Sicardo: penso ad un passionario; 413, 43-46; Hier. Chr. 2273; per Giustina come per Trifonia; Martin. 413, 39-42; Prosp. 847; Ruf. VI, 39, 1; Martin. 413, 43; per Agata e Nestore vale il solito discorso sui martiri delle persecuzioni da un qualche passionario non identificato; Iac. a Vor. LA 407; PD HR IX, 4.

 

De Gallo et Volusiano augustis

Abbrevia Pomerium IV, 25.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2268-2270, Beda c. 375 (con una difformitą). La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2268; Martin. 414, 1; Or. VII, 21, 5; Hier. Chr. 2273; Ruf. VII, 1; Hier. VI LIV, 11; Martin. 447, 37-44 (per il martirio vale il solito discorso); Or. VII, 21, 4-5.

 

De Valeriano et Decio Galieno augustis

Abbrevia Pomerium IV, 26.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2270-2285; Or. 7, 22, 1, Martin. p. 414. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2270 (in accordo con la fonte e Pomerium IV, 26 per l’anno la lezione da accogliere Ź «CCLVIII»); Martin. 414, 4; Hier. Chr. 2273; Martin. 414, 8-9; Ruf. VII, 10, 3; Prosp. 867; Martin. 449, 19; 414, 4. 8; 449, 23; per Romano, Zeno, Proco e Giacinto vale il solito discorso relativo ai martiri; Ruf. VII, 16; sempre da un passionario non identificato per i trecento martiri cartaginesi; PD HR IX, 7; Or. VII, 22, 5-6; Hier. Chr. 2283; Ruf. VII, 27, 1-2; Martin. 414, 12-19. 20-21; Hier. VI LXIX, 1. 7; PD HR IX, 11.

 

De Claudio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 27.

Fonti indicate: PD HR 9, 11-12, Sicardo p. 114, probabilmente Martin. p. 414. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2285; Martin. 449, 28; PD HR IX, 11; Martin. 414, 25-26; Hier. Chr. 2287; PD HR IX, 12; Martin. 414, 12. 20; solito discorso per Mario, Marta e figli, Audifax e Abaco, Cirilla, Cesario, Giuliano ed Eusebio martiri.

 

De Aureliano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 28.

Fonti indicate: PD HR 9, 13, 15, 16, Hier. Chr. 2288-2293, Beda c. 386, Martin. p. 449. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2288; Or. VII, 23, 3; PD HR IX, 15. 13; Martin. 449, 31-33; Prosp. 967; Martin. 414, 25; solito discorso per Quirino, Teodora, Ermete, Conone e figlio, Tertulio, Sabiano, Mamas martiri.

 

De Tacito augusto

Abbrevia Pomerium IV, 29.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2293; Iordanes Rom. 292. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2293; Or. VII, 24, 1.

 

De Probo augusto

Abbrevia Pomerium IV, 30.

Fonti indicate: PD HR 9, 17, Or. 7, 24, 4, 25, 1, Hier. Chr. 2294-2297, Martin. p. 414. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2294; PD HR IX, 17; Hier. Chr. 2295; Martin. 414, 30-35.

 

De Caro augusto et filiis

Abbrevia Pomerium IV, 31.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2300-2302, Eutropio 9, 22-28, PD HR 9, 18-20, Or. 7, 24, 4, Martin. p. 450. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2300; PD HR IX, 18-20; solito discorso per i martiri nominati.

 

De Dioclitiano et Maximiano augustis et de Galerio et Constantio cesaribus

Abbrevia Pomerium IV, 32, 1-18.

Fonti indicateper il primo paragrafo: Hier. Chr. 2303-2307, PD HR 9, 22, 27, Or. 7, 25, 1, 3-16, Ruf. 7, 27, Martin. p. 450. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2302; Or. VII, 25, 2-5. 14-15; Hier. Chr.  (edizione Helm) 2317; Martin. 450, 3-10; non so di dove tragga le notzie su Mani.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: Hier. Chr. 1320, Martin. pp. 414-15, 450, Or. 7, 25, 13, 15-16, 28, 12-13, Eutropio 10, 1 oppure PD HR 10, 4-5. La successione delle fonti Ź: Martin. 414, 41-45; Or. VII, 25, 14; Martin. 415, 18-20; Hier. Chr. 2320; Ruf. VIII, 2, 4-5; Or. VII, 25, 15; Ruf. VIII, 2, 11-13; 16, 1-4; Hier. Chr. 2323; 2324; Martin. 450, 27-28; Hier. Chr. 2325; Or. VII, 28, 18-19.

Fonti indicateper il terzo paragrafo: Ruf. 8, 5-6, Beda cc. 396, 409, Sicardo p. 116. La successione delle fonti Ź: Martin. 414, 30. 41; 415, 18; solito discorso per i martiri Largo e Smaragdo, Genesio; Martin. 415, 27-28; solito discorso per Felice e Adaucto; Martin. 450, 18. 17; solito discorso per Bonifacio; Iac. a Vor. LA 316; 345-46; 340; 350-51; solito discorso per Pantaleone, Vincenzo, Eleuterio; Iac. a Vor. LA 167; 260; solito discorso per Teodoro, Menna, Ermolao; Martin. 450, 18; solito discorso per Ruffo, Simplicio, Faustino, Vittore, Maurizio; Martin. 450, 16-17; solito discorso per Barbara, Eufemia, Crescentia, Beatrice, Susanna, Teodosia.

 

De Galerio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 32, 19-28.

Fonti indicate: Or. 7, 25, 16 e 28, 17, PD HR 10, 1-2. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2332-33.

 

De Constantino Magno augusto

Abbrevia Pomerium IV, 33.

Fonti indicate: Or. 7, 28. 14, 29, 1, Eutropio oppure PD HR 10, 4, 8, Vincenzo Bellovacense 13, 43, Martin. p. 415, Sicardo, p. 118, Hier. Chr. 2342, 2344. La successione delle fonti Ź: Or. VII, 26, 1; 28, 14; PD HR X, 4; Or. VII, 28, 16; Hier. Chr. 2330; Ruf. IX, 9, 4-7; Martin. 415, 24. 31-32; Hier. Chr. 2345; Martin. 415, 32-34; Ruf. X, 9. 11; Or. I, 2, 56; VII, 28, 27-28; Martin. 450, 32-33; Prosp. 1032; PD HR X, 8-9.

 

De Constantio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 34.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2354-2376, Or. 7, 19, 3-5, PD HR 10, 9, Martin. p. 416. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2354; Or. VII, 29, 1. 5; PD HR X, 9. 13; Martin. 416, 9-12; Or. VII, 29, 3; Martin. 452, 12-14; Hier. Chr. 2355, 2359; 2372; Martin. 416, 12-19; 451, 53-452, 1; non so di dove tragga la notizia della decisione conciliare sul celibato; Or. VII, 29, 5; Is. Chr. 336-38; Martin. 450, 32; Hier. Chr. 2371; 2372; Martin. 416, 19. 30-33. 42-45; Hier. Chr. 2378; 2372; 2376; 2372; 2377; 2372; 2373; 2374; Martin. 452, 16; Hier. Chr. 2376; Martin. 416, 45. 40-41; Hier. Chr. 2377; 2372; non so di dove tragga la notizia su Nicola; Martin. 416, 36-39.

 

De Iuliano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 35.

Fonti indicate per il primo paragrafo: Hier. Chr. 2378, Is. Chr. cc. 344-45, Ruf. 10, 13, 32, 37-39, Or. 7, 30, 1-6, PD HR 10, 14-16, Martin. pp. 416-17, forse Sicardo p. 123. La successione delle fonti Ź: Hier. Chr. 2379 (in accordo con la fonte e Pomerium IV, 35 la lezione da scegliere per l’anno Ź «CCCLXV»); Is. Chr. 344; PD HR X, 14; Or. VII, 30, 1-3; Ruf. X, 33; Is. Chr. 345.

Fonte indicata per il secondo paragrafo: Hier. Chr. 2382. La successione delle fonti Ź: Martin. 416, 46; 417, 10; non so di dove tragga le notizie sui vescovi romagnoli, ma l’inserzione Ź del tutto inconsueta, e dubito fortemente della sua autenticitą, visto che non si trova niente di simile nelle altre opere di R.; Martin. 417, 7; Or. VII, 30, 4-6; Hier. Chr. 2380; non so di dove tragga la notizia su Ilarione; solito discorso per Pigmenio martire, come per Quiriaco; Iac. a Vor. LA 338; solito discorso per Donato martire; Iac. a Vor. LA 338; solto discorso per i martiri Gallicano, Sabiniana; Martin. 452, 30; solto discorso per i martiri Giovanni e Teodoro.

 

De Ioviano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 36.

Fonte indicata, esattamente: Hier. Chr. 2380.

 

De Valentiniano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 37.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2381-2391, Or. 7, 32, 4, 6, 14, Sicardo p. 125; Martin. p. 417. La successione delle fonti Ź: Martin. 452, 40; Hier. Chr. 2382; Veg. I; Ruf. XI, 10; PD HR XI, 3. 2; Hier. Chr. 2384; 2385; 2386; 2388; Martin. 417, 6-7; Hier. Chr. 2389; 2390; 2392; Or. VII, 32, 14.

 

De Valente augusto

Abbrevia Pomerium IV, 38.

Fonti indicate: Hier. Chr. 2391-93, Or. 7, 33, 1, 6-7, 13-15, Vincenzo Bellovacense 14, 58, 61, 88. La successione delle fonti Ź: Or. VII, 33, 1. 10. 6-7; Hier. Chr. 2392; 2394; Or. VII, 33, 14-15; PD HR XI, 8; Ruf. XI, 4-9 («Gregorius et Petrus fratres  Basilii» non va tra parentesi angolari); Martin. 417, 4.

 

De Gratiano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 39.

Fonti indicate: PD HR 11, 14-16, 12, 7, Prosp. aa. 378-388, forse Is. Chr. 354-55, Sicardo pp. 128-29, Martin. p. 417. La successione delle fonti Ź: Prosp. 1167; PD HR XI, 12; Chr. Rav. 573; Prosp. 1171; 1175; PD HR XI, 15; Martin. 417, 15-26; Prosp. 1186; 1175; Martin. 453, 13-14; PD HR XI, 16; Prosp. 1183.

 

De Valentiniano Secundo augusto

Abbrevia Pomerium IV, 40.

Fonti indicate: PD HR 11, 16, 17, 12, 1-2, Prosp. aa. 385-395, Is. Chr. cc. 359, 360, 369, Sicardo p. 127. La successione delle fonti Ź: Prosp. 1184; Or. VII, 34, 10; PD HR XII, 2; Prosp. 1187; 1201; 1204; 1205; Is. Chr. 360; Or. VII, 35, 10.

 

De Theodosio Primo augusto

Abbrevia Pomerium IV, 41.

Fonti indicate: PD HR 12, 3-4, 7-8, Prosp. a. 395, Sicardo pp. 128-29, Martin. pp. 453, 417. La successione delle fonti Ź: Prosp. 1198; Or. VII, 35, 11. 13; Prosp. 1201; Or. VII, 35, 14-19; PD HR XII, 7-8; Or. VII, 35, 23; Chr. Rav. 526; 573; Is. Chr. 353; 358; Prosp. 1204; Martin. 417, 28-33. 51; non son con certezza la fonte per Prudenzio: potrebbe derivare da un’aggiunta, piuttosto comune, a Hier. VI, nota come capitolo CXXXVII: «Prudentius Calagoritanus, versificator insignis...»; Prosp. 1205.

 

De Archadio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 42.

Fonti indicate: Or. 7, 37, 2, 12-16, PD HR 12, 9, 12, Prosp. aa. 400-405, Is. Chr. c. 366, Martin. pp. 417-18; forse un fraintendimento del Liber Pontificalis p. 87 per Anastasio. La successione delle fonti Ź: Prosp. 1207; non so di dove tragga le notizie sulla morte di Martino di Tours ed Ambrogio (che perė Or. VII, 36, 7 dice «paulo ante defunctum»): anche in questo caso probabilmente da vitae viste a Santa Giustina; Is. Chr. 366; Martin. 417, 34-35. 38-40 (ed il brano «et nullum-episcopi» non va tra parentesi angolari); Prosp. 1217-18; 1221-23; Martin. 417, 41-42. 44-47. 45; 51-418, 2; Prosp. 1227-28; PD HR XII, 12; Or. VII, 37, 4. 16; Prosp. 1229-32; Martin. 453, 14; non so di dove tragga le notizie su Prudenzio; Prosp. 1233-34.

 

De Honorio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 43.

Fonti indicate per il primo paragrafo: Prosp. aa. 408-418, Or. 7, 40, 1-2, forse 32, 11, PD HR 12, 13-15, 13, 2. La successione delle fonti Ź: Prosp. 1235-40; PD HR XII, 13-15; Prosp. 1250; 1252; PD HR XII, 15; XIII, 2-3; Prosp. 1267.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: Martin. pp. 418, 457, Prosp. aa. 419-420, PD HR 13, 2-4, Liber Pontificalis p. 91, Sigeberto, pp. 306-07, Sicardo, pp 130-131. La successione delle fonti Ź: Martin. 418, 3-4; Prosp. 1264-66; 1261; Martin. 418, 4-5; 6-8; Prosp. 1271; Chr. Rav. 573; Prosp. 1274.

Fonti indicate per il terzo paragrafo: PD HR 13, 6, 7, Vincenzo Bellovacense 19, 14, Martin. p. 418. La successione delle fonti Ź: Rigor. 18; Chr. Rav. 573; Prosp. 1281; Martin. 418, 9-14; non so di dove tragga per Cassiano; PD HR XIII, 7; Chr. Rav. 576 (ed il brano «cuius tempore-dicitur» non va tra parentesi angolari, eccetto le note di R. in qualitą di testimone oculare).

 

De Theodosio Secundo augusto

Abbrevia Pomerium IV, 44.

Fonti indicate per il primo paragrafo: PD HR 13, 9-11, Prosp. aa. 424-31, Liber Pontificalis p. 94, Sicardo, pp 132-33, Martin. p. 418, Agnell. pp. 307, 310-12. La successione delle fonti Ź: Chr. Rav. 573; Is. Chr. 376 (ed il «sex», in accordo con la fonte e Pomerium IV, 44, 1, Ź da correggere in «VII»); Prosp. 1295; PD HR XIII, 9; Prosp. 1297; Chr. Rav. 573; Prosp. 1301; 1304; PD HR XIII, 10; Prosp. 1306-10; Chr. Rav. 577; Prosp. 1321.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: PD HR 13, 12, 14, 16, 14, 2, Prosp. a. 443, Martin. pp. 418, 453-54. La successione delle fonti Ź: Prosp. 1327; PD HR XIII, 14; Prosp. 1341; Martin. 418, 37-44; 454, 50-51 (ed il brano «Huius-Emilia» non va tra parentesi angolari); PD HR XIV, 2; XIII, 16; Prosp. 1349-50; 1353.

Fonti indicate per il terzo paragrafo: PD HR 13, 18, Is. Chr. 379, Vincenzo Bellovacense 20, 31, forse Martin. pp. 453-54. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 379; Martin. 454, 19-25; PD HR XIII, 18.

 

De Valentiniano III augusto

Abbrevia Pomerium IV, 45.

Fonti indicate: PD HR 13, 18, 14, 1-15. La successione delle fonti Ź: PD HR XIV, 1. 15. 19. 2. 8-13. 14; Is. Chr. 391; PD HR XIV, 15; Chr. Rav. 574-75.

 

De Martiano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 46.

Fonti indicate: PD HR 14, 16-9 [?, sic, G. Z.], Martin. p. 454, Vincenzo Bellovacense 20, 27. La successione delle fonti Ź: Prosp. 1361; PD HR XIV, 16-19; XV, 5; Martin. 454, 30-31; PD HR XIV, 18; non so di dove tragga le notizie sulle reliquie trovate da Eudosia: ancora una volta probabilmente da vite lette a Santa Giustina.

 

De Leone augusto

Abbrevia Pomerium IV, 47.

Fonti indicate: PD HR 15, 1, 3, 5-6, Martin. pp. 419, 454. La successione delle fonti Ź: PD HR XV, 1. 7; Martin. 419, 14-20; PD HR XV, 4. 5; Martin. 419, 21. 29; 454, 50-51. 59; Is. Chr. 384-85; PD HR XV, 6 (e i due brani «idest Gothis-tenuerunt» e «idest Gothis orientalibus» non vanno tra parentesi angolari).

 

De Zenone augusto

Abbrevia Pomerium IV, 48.

Fonti indicate: PD HR 15, 7-10, 14-20, Beda a. 499 oppure Is. Chr. cc. 388, 391, Martin. p. 419, Agnell. p. 338. La successione delle fonti Ź: Agnell. 94 (e «Ysauricus» non va tra parentesi angolari); Martin. 455, 3-5; PD HR XV, 7; non so di dove tragga per i cavalieri della Tavola Rotonda; PD HR XV, 7-10; Martin. 419, 37-39; PD HR XV, 14-19; Is. Chr. 388; PD HR XIV, 15; Martin. 420, 16; PD HR XIV, 20.

 

De Anastasio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 49.

Fonti indicate per il primo paragrafo: PD HR 15, 7, 16, 2, 3, 5, Martin. pp. 419-20. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 389; PD HR XVI, 2; Martin. 419, 46-47. 48; 456, 15; 420, 1-3. 9-11; PD HR XVI, 2-3; Martin. 420, 18-20. 25-26; 455, 23-25.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: nessuna. La successione delle fonti Ź: Chr. Rav. 576 (naturalmente eccetto «dirutam anno Christi MCCXCV», quando probabilmente R. assiste personalmente all’evento); Martin. 420, 16; PD HR XVII, 4.

 

De Iustino augusto

Abbrevia Pomerium IV, 50.

Fonti indicate: PD HR 16, 6-11, Martin. pp. 420-21, 455. La successione delle fonti Ź: PD HR XVI, 6-7; non so quale sia quella «cronica» da cui trae per Boezio; Martin. 455, 47-49; 420, 31; non so di dove tragga per san Leonardo; Martin. 455, 54; 420, 30-33; 455, 30-31; PD HR XVI, 8-9; Chr. Rav. 577 (ed il brano «sepultus-Rotunda» non va tra parentesi angolari); PD HR XVI, 11.

 

De Iustiniano augusto

Abbrevia Pomerium IV, 51.

Fonti indicate per il primo paragrafo: PD HR 16, 11-14, 17, 20, 22, 16, Iordanes Getica p. 306 oppure Romana p. 368, Vincenzo 21, 6, 49, Martin. pp. 420-21, 456. La successione delle fonti Ź: Martin. 455, 50; 420, 36-37; non so di dove tragga la parentela con Gregorio I; PD HR XVI, 12; Martin. 420, 39-40; 456, 15; 420, 42; Cr. Ven. 111, 19; Is. Chr. 399c-400; Martin. 420, 44; 45-46; PD HR XVI, 13; Martin. 421, 1-4; 5-20; PD HR XVI, 14; 17, 22, 20; XVII, 6.

Nessuna fonte indicata – né io ho ritrovato – per il secondo paragrafo.

Fonti indicate per il terzo paragrafo: Paolo Diacono, Historia Langobardorum 2, 1-5 oppure PD HR 17, 4-6, Martin. pp. 421, 455-56 oppure Vincenzo 21, 73. La successione delle fonti Ź: Martin. 456, 16-17; PD HR XVII, 5; Martin. 421, 23-25; 456, 2-3; 421, 22 (e la nota relativa a Remigio non va tra parentesi angolari). 25-28; PD HR XVI, 23; Martin. 455, 51; PD HR XVII, 2.

Fonti indicate per il quarto paragrafo: Agnell. p. 336, Martin. pp. 421, 456, Liber Pontificalis p. 305. La successione delle fonti Ź: Chr. Rav. 577 (e tutto il brano «Ecclesias-Classe» non va tra parentesi angolari); Martin. 421, 29-40; Agnell. 89; PD HR XVII, 4; Agnell. 90.

 

De Iustino II augusto

Abbrevia Pomerium IV, 52.

Fonti indicate: PD HR 17, 10, 12 oppure Historia Langobardorum 2, 4, 7, 23, 26, 27, 3, 11, Martin. pp. 421-22, 456, Agnell. p. 337. La successione delle fonti Ź: Martin. 456, 25; Agnell. 96; PD HR XVII, 10; Agnell. 96; Iac. a Vor. LA 825-27; Chr. Rav. 577; neppure io so di dove tragga per la durata del regno longobardo in Italia; Martin. 421, 41-44; 456, 39-40; Chr. Rav. 577; Martin. 421, 42-43. 46-47; PD HR XVII, 17; Martin. 421, 45-422, 1.

 

De Tiberio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 53.

Fonti indicate: PD HR 17, 13-14, Martin. p. 457. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 404; Martin. 457, 1-3. 7; PD HR XVII, 14.

 

De Mauritio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 54.

Fonti indicate: PD Historia Langobardorum 3, 18, 4, 21, 23, 28, Martin. pp. 422, 457, Iac. a Vor. LA (ed Graesse) p. 827. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 406; PD HR XVII, 16-20; Martin. 422, 7-11; PD HL IV, 23. 28; PD HR XVII, 21. 24; Iac. a Vor. LA 827; PD HL IV, 21; Martin. 457, 14.

 

De Phocace augusto

Abbrevia Pomerium IV, 55.

Fonti indicate: PD HR 17, 25, Martin. pp. 422, 457, Agnell. p. 344. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 410 (per la discordanza vedi Pomerium 55); Martin. 422, 25-26. 30-31. 32-44; PD HL IV, 29.

 

De Eradio [inaccettabile: Eraclio, come nelle fonti ed in Pomerium 56 e successivamente nel Compendium] augusto... De Constantino augusto... De Eradona [inaccettabile: Eraclonas, come nelle fonti ed in Pomerium 56 e successivamente nel Compendium] augusto

Abbrevia Pomerium IV, 56.

Fonti indicate: PD HR 17, 25, Beda cc. 540-45, Goffredo da Viterbo pp. 196, 198, Martin. pp. 422, 457-58. La successione delle fonti Ź: Is. Chr. 414; Martin. 457, 40-43; 422, 46-47; Is. Chr. 417; Martin. 458, 11-13; per Costantino II la fonte dovrebbe essere Martin. 457, 38, che perė dice solo la durata del regno insieme al padre: 31 anni; non so di dove tragga la notizia della morte per inganno di Martina e Pira, che, del resto, non Ź né in Pomerium né in Compendium; PD HR XVII, 26; Martin. 422, 49; PD HR XVII, 27.

 

De Constantino augusto

Abbrevia Pomerium IV, 56-57.

Fonti indicate: PD HR 17, 37, Is. Chr. cc. 415-16, Sigeberto pp. 324, 326, Goffredo pp. 198-99, Martin. pp. 423, 458, Agnell. p. 349. La successione delle fonti Ź: Martin. 428, 20; invece di «DCXLII» va accettata la lezione «DCXLI», come in Pomerium IV, 57, 1; non so di dove tragga par le mutilaioni di Eradona e Martina; Martin. 423, 3-7; 457, 43-44; 423, 15; 458, 17-19; 457, 39-40; 457, 50-458, 3; 423, 18; 423, 23-25; PD HR XVII, 29; Martin. 423, 29-31. 35-36; Chr. Rav. 577; Martin. 423, 38-39; Ughelli 518 (e tutto il brano «Marinum-civitatem» non va tra parentesi angolari); Martin. 458, 40-48; PD HL VI, 5; PD HR XVII, 33.

 

De Constantino augusto

Abbrevia Pomerium IV, 58.

Fonti indicate: PD HL 5, 30 oppure PD HR 17, 37-38, Martin. pp. 424, 458-59, forse Vincenzo 23, 126, Agnell. pp. 349-60, Iac. a Vor. LA p. 833. La successione delle fonti Ź: Martin. 458, 47 (l’anno «DCLXXI» va corretto in «DCLXX», come in Pomerium IV, 58, 1); Martin. 424, 1-9. 14. 10-11; Agnell. 110. 115. 117. 124; Martin. 424, 13-16; Chr. Rav. 577; Martin. 424, 19-20; PD HR XVII, 38; PD HL VI, 5; Martin. 424, 17-20. 25. 30. 31; Iac. a Vor. LA 833; PD HR XVII, 39.

 

De Iustiniano II augusto

Abbrevia Pomerium IV, 59.

Fonti indicate: PD HR 17, 39 oppure HL 6, 11, Martin. pp. 424, 459, forse Vincenzo 23, 132. La successione delle fonti Ź: Martin. 459, 14 (l’anno «DCLXXXVIII» va corretto in «DCLXXXVII», come in Pomerium IV, 59, 1); PD HR XVII, 39; Martin. 424, 34-36; ancora PD HR XVII, 39; Martin. 424, 43-48; di nuovo PD HR XVII, 39 (ed il brano «Africa-Saracenis» non va tra parentesi angolari).

 

De Leone augusto

Abbrevia Pomerium IV, 60.

Fonti indicate: PD HL 6, 12, Martin. pp. 425, 459. La successione delle fonti Ź: Martin. 459, 21 (invece di «DCXCVIII» va accolta la lezione «DCXCVII», come in Pomerium IV, 60, 1); PD HR XVII, 40. 45; Martin. 459, 22 (ed il brano «Hoc-maximi» non va tra parentesi angolari); Martin. 425, 4-5; Iac. a Vor. LA 833.

 

De Tyberio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 61, 1-2.

Fonti indicate: PD HR 17, 40-42 oppure HL 6, 13-14, Martin. pp. 425, 459. La successione delle fonti Ź: Chr. Cas. 486, 10 (l’anno «DCCI» va corretto in «DCC», come in Pomerium IV, 61, 1); PD HR XVII, 41-42; Martin. 425, 7-8.

 

De Iustiniano iterum

Abbrevia Pomerium IV, 61, 3-4.

Fonti indicate: PD HR 17, 44 oppure HL 6, 31, Martin. p. 425. La successione delle fonti Ź: Martin. 459, 31-32 (invece di «DCCVIII» va accolta la lezione «DCCVII», come in Pomerium IV, 61, 3); PD HR XVII, 44; Martin. 425, 11-12. 13-17.

 

De Phylippico augusto

Abbrevia Pomerium IV, 62.

Fonti indicate: PD HR 17, 46 oppure HL 6, 34, Elinando aa. 715, 716, Martin. pp. 425, 459. La successione delle fonti Ź: Martin. 459, 38 (invece di «DCCXIIII» va accolta la lezione «DCCXIII», come in Pomerium IV, 61, 3); PD HR XVII, 46.

 

De Anastasio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 63.

Fonti indicate: PD HR 17, 46, forse Elinando a. 717. La successione delle fonti Ź: Martin. 459, 41; PD HR XVII, 46-47; Martin. 460, 28-31; non so di dove venga «Alpaide»; Martin. 425, 21-23. 26; non so di dove tragga per Cesario ed Albino; Iac. a Vor. LA 833.

 

De Theodosio augusto

Abbrevia Pomerium IV, 64.

Fonti indicate: PD HR 17, 47-49 oppure HL 6, 36, forse Elinando a. 717. La successione delle fonti Ź: Martin. 459, 44; PD HR XVII, 47-48.

 

De Leone Hysmaro [inaccettabile: Isaurus, come nelle fonti ed in Pomerium 65] augusto

Abbrevia Pomerium IV, 65.

Fonti indicate: PD HR 17, 51, 50, 53, 52, Elinando a. 719, Martin. pp. 425-26, 459-60. La successione delle fonti Ź: Martin. 459, 46; PD HR XVII, 51. 49-50; Martin. 425, 37-46; 460, 10. 11-13; PD HR XVII, 51-53; PD HL VI, 48; non so di dove tragga per Faenza; Martin. 425, 48-426, 1; PD HR XVII, 53.

 

De Constantino augusto

Abbrevia Pomerium IV, 66.

Fonti indicate: Elinando a. 731, Martin. pp. 426, 460-61, Iac. a Vor. LA p. 832, Vita Anselmi pp. 567-69. La successione delle fonti Ź: Martin. 460, 14-15; non so di dove tragga per Beda; Martin. 426, 1-9; 460, 45-49. 19-21; 567, 7-11. 18-23. 27-28; 568, 9. 21-22. 26 (per il numero dei monaci va accolta la lezione «cc», come in Pomerium IV, 66, 5); Martin. 460, 50-461, 7; Iac. a Vor. LA 832; Martin. 426, 13-18; 460, 26; 426, 19; non so di dove tragga per il congelamento del mare.

 

De Leone augusto

Abbrevia Pomerium IV, 67.

Fonti indicate: Martin. pp. 426, 461, Vincenzo 23, 167, 171. La successione delle fonti Ź: Chr. Cas. 486, 17; Martin. 461, 13-14; 426, 30-31. 33-36; 461, 8-9.

 

De Constantino et Hierene...

Abbrevia Pomerium IV, 68, 1-6.

Fonti indicate per il primo paragrafo: probabilmente Martin. pp. 426, 461, Vincenzo 23, 170, 172, 175, 176, 24, 3, Iac. a Vor. LA p. 835, forse Elinando a. 812 oppure Sicardo p. 153. La successione delle fonti Ź: Chr. Cas. 486, 19-21; Martin. 461, 15-19. 21-23; Chr. Cas. 486, 23 (ed il brano «Taurucius-regnavit» non va tra parentesi angolari); Martin. 461, 24-28.

Fonte indicata per il secondo paragrafo: Martin. p. 426 (rr. 37-47), ma bisogna aggiungere genericamente Turp.

Fonti indicate per il terzo paragrafo: Iac. a Vor. LA p. 835, Vincenzo 23, 169. La successione delle fonti Ź: Iac. a Vor. LA 835; non so di dove tragga per Egidio abbate né per Roncisvalle; Iac. a Vor. LA 834 (e «cum Longobardis» non va tra parentesi angolari); Martin. 427, 8-11; neppure io so di dove tragga per Mamerco, o Mamerto, vescovo di Vienna; non so di dove venga la data dell’accecamento di Costantino; Martin. 461, 29-30; 427, 14-15.

 

De divisione...

Assente dal Pomerium.

Nessuna fonte individuata.

 

Sermo de ortu imperii... Questio utrum dignius...

Ripete per lo piĚ testualmente Pomerium IV, 68, 7-15.

Nessuna fonte indicata, ma suggerito un confronto con Or. 2, 1, 4-6. Le fonti - solo del primo paragrafo - sono: Or. II, 1, 3-5; I, 1, 17-18; 2, 18; per il resto R. riassume per conto suo.

 

Diviso imperii...

Abbrevia Pomerium IV, 69.

Fonti indicate per il primo paragrafo: probabilmente Elinando aa. 801-02, 809, 811, 812, Vincenzo 23, 168. 161, 24, 25, Flores Temporum p. 234 e, per gli Unni, forse Eginardo 12-13. La successione delle fonti Ź: Martin. 427, 14-15; 461, 29-30; Einh. 36, 1; Martin. 461, 38; Einh. 6, 21; non so di dove tragga per il paragrafo – assente sia nel Pomerium sia nel Compendium!- relativo alla durata del regno di Carlo in Italia ed in Francia, e di Pipino in Italia; Einh. 22, 9-11; 23, 5-6; non so di dove tragga per la morte di Pipino a Milano; Einh. 24, 6-11; Martin. 462, 6-7; Einh. 15, 24-16, 16.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: Martin. pp. 426, 461-62, Vincenzo 23, 173, Iac. a Vor. LA p. 837. La successione delle fonti Ź: Martin. 426, 48-51; 461, 44-49; Chr. Rav. 577; Iac. a Vor. LA 836; non so di dove tragga per Bondeno, Egidio ed il duca Guglielmo.

 

De Lodovico augusto

Abbrevia Pomerium IV, 70.

Fonti indicate: Martin. pp. 426, 427, Vincenzo 24, 26-28, 34, Iac. a Vor. LA p. 837. La successione delle fonti Ź: Iac. a Vor. LA 837; Martin. 462, 10; 427, 24; Iac. a Vor. LA 837; Martin. 427, 27. 34. 38; non so di dove venga la nota sull’istituzione della festa dei defunti e quella su Bernardo; Martin. 462, 16; 427, 43-48; 462, 32-35.

 

De Lothario augusto

Abbrevia Pomerium IV, 71.

Fonti indicate: Vincenzo 24, 35, 36, Martin. pp. 462, 428, Iac. a Vor. LA p. 837. La successione delle fonti Ź: Martin. 462, 37-39; 428, 1-3; Iac. a Vor. LA 837; Martin. 428, 4-8; 462, 50-52; Hier. Chr. 2335; Martin. 462, 48-49.

 

De Lodovico Balbo augusto

Abbrevia Pomerium IV, 72.

Fonti indicate: Sigeberto pp. 340-41, Sicardo p. 155, Vincenzo 24, 41, Flores Temporum p. 235, Martin. pp. 463, 428-29, Iac. a Vor. LA p. 838. La successione delle fonti Ź: Martin. 463, 1-2 (e per la durata del regno va accolta la lezione «xxi», in accordo con la fonte e Pomerium IV, 72, 1); 429, 30; 428, 27-37; 463, 7-8; Iac. a Vor. LA 838; Martin. 463, 13-15; 429, 1; 463, 8-9; non so di dove venga la menzione di papa Paolo II; Martin. 429, 39. 6-16. 21; Iac. a Vor. LA 838.

 

De Karolo Calvo augusto

Abbrevia Pomerium IV, 73.

Fonti indicate: Martin. pp. 463, 429. La successione delle fonti Ź: Martin. 463, 16-17; 429, 26-28; 463, 19-20.

 

De Karolo Simplice augusto

Abbrevia Pomerium IV, 74.

Fonti indicate: Vincenzo 24, 47-48, 53, Martin. pp. 463, 429, Goffredo Viterbense p. 230. La successione delle fonti Ź: Martin. 463, 25-27 (l’anno indicato in Pomerium IV, 74, 1 Ź «dccclxxiii», come qui attestato in DN); 429, 36. 37; 463, 27; Rigor. 18 (e non Ź vero che R. confonda Rollone col Guiscardo: in Pomerium IV, 74, 3 aggiunge: «ex quibus fuit Robertus Guiscardus»); Martin. 463, 39-40.

 

De Arnulfo augusto

Parallelo a Pomerium IV, 75.

Fonti indicate: Vincenzo 24, 45, 57, Martin. pp. 463, 429-30, Elinando a. 902. La successione delle fonti Ź: Martin. 463, 41-49; 430, 7; 429, 40-42. 46-47.

 

De Ludovico Tertio augusto

Parallelo a Pomerium IV, 76.

Fonti indicate: Martin. pp. 463-64, 430, per confronto Goffredo Viterbense pp. 230-31. La successione delle fonti Ź: Martin. 463, 49-50. 52; non so di dove venga la nota relativa ad Ugo di Borgogna; 463, 54-464, 1; 430, 7-10. 11. 12. 13-15. 17-20.

 

De Berengario I non augusto

Parallelo a Pomerium IV, 77.

Fonti indicate: per confronto Martin. pp. 464, 430. La successione delle fonti Ź: Martin. 464, 1-4; 430, 22-25; 464, 5. 4; 430, 23-29.

 

De Corrado non augusto

Parallelo a Pomerium IV, 78.

Fonti indicate: Sigeberto p. 345, Elinando aa. 912, 916, Goffredo p. 232, Vincenzo 24, 62, Martin. pp. 464, 430. La fonte Ź Martin. 464, 6-9.

 

De Berengario II non augusto

Parallelo a Pomerium IV, 79.

Fonti indicate: per confronto Martin. pp. 464, 430. La fonte Ź Martin. 464, 10; 430, 30. 32.

 

De Henrico non augusto

Parallelo a Pomerium IV, 80-81.

Fonti indicate per il primo paragrafo: Vincenzo 24, 63, 66, Martin. pp. 464, 430. La successione delle fonti Ź: Martin. 464, 11-19; 430, 33-37. 39-40. 46. 48. 50-52; non so di dove vengano le notizie sugli Ungari in Gallia e Spagna.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: nessuna, e neppure io sono stato capace di identificarle.

 

De Berengario III non augusto

Parallelo a Pomerium IV, 82.

Fonti indicate, esattamente: Martin. pp. 464 [40], 431 [1. 3].

 

De Lothario non augusto

Parallelo a Pomerium IV, 83.

Fonti indicate, esattamente: Martin. p. 464 [41-42].

 

De Berengario IIII

Parallelo a Pomerium IV, 84.

Fonti indicate: Martin. pp. 464-65, 431, forse Flores Temporum p. 236, Goffredo p. 233. La successione delle fonti Ź: Martin. 464, 43-45; 431, 5-6. 10-11; 465, 2-4.

 

De Othone I augusto

Parallelo a Pomerium IV, 85.

Fonti indicate: Martin. pp. 465, 431. La successione delle fonti Ź: Martin. 464, 37-38; 465, 5-6 (per la durata del regno, in accordo con la fonte e Pomerium IV, 85, 1, va accolta la lezione «xii»); 431, 10; 465, 7-10.

 

De Othone II augusto

Abbrevia Pomerium IV, 86.

Fonti indicate: per confronto Sicardo p. 159, Vincenzo 24, 88, Martin. pp. 465, 431, Iac. a Vor. LA p. 838. La successione delle fonti Ź: Martin. 465, 22; 431, 20-22. 24. 26; 465, 42-46; Iac. a Vor. LA 838; 465, 22-26; 431, 32-33.

 

De Othone III augusto

Abbrevia Pomerium IV, 87.

Fonti indicate per il primo paragrafo: per confronto Sicardo pp. 159-60, Goffredo p. 238, Sigeberto p. 352, Vincenzo 24, 91, 107, Martin. pp. 466, 431-32, Iac. a Vor. LA p. 839. La successione delle fonti Ź: Martin. 466, 1-2; Iac. a Vor. LA 839; Martin. 431, 34. 35. 40; Rigor. 18; non so di dove tragga per la durata del regno di re Roberto; Martin. 432, 4. 6. 7. 13-15; 466, 2-10.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: per confronto Sicardo p. 160, Martin. p. 432, Iac. a Vor. LA p. 839. La successione delle fonti Ź: Martin. 432, 19. 23-36; Iac. a Vor. LA 839; Martin. 466, 1; non so di dove tragga gli anni di vacanza dell’impero e la notizia dell’assedio di Capua; Martin. 432, 40. 41. 49.

 

De Henrico augusto

Abbrevia Pomerium IV, 88.

Fonti indicate: per confronto Sicardo pp. 159-60, Goffredo p. 240, Flores Temporum p. 237, Martin. pp. 432, 466, Iac. a Vor. LA p. 839. La successione delle fonti Ź: Martin. 466, 27; Iac. a Vor. LA 839; Martin. 432, 43-47; Iac. a Vor. LA 839; Martin. 465, 42-44; 432, 51-433, 4; non so di dove tragga la notizia dell’occupazione della Terrasanta; Martin. 466, 27-31.

 

De Conrado augusto

Abbrevia Pomerium IV, 89.

Fonti indicate: per confronto Goffredo p. 241, Martin. pp. 466-67, 433, Iac. a Vor. LA pp. 839-40, e probabilmente Sigeberto a. 1031. La successione delle fonti Ź: Martin. 466, 37; Iac. a Vor. LA 839; Martin. 432, 8; 433, 9; non so di dove vengano le notizie su re Roberto ed Enrico di Francia; Iac. a Vor. LA 839-40; Martin. 433, 11-14.

 

De Henrico augusto

Abbrevia Pomerium IV, 90.

Fonti indicate: per confronto Sicardo p. 161, Martin. pp. 433, 467, Iac. a Vor. LA p. 841, Vincenzo 25, 34. La successione delle fonti Ź: Martin. 467, 14-15; Iac. a Vor. LA 841; Martin. 467, 16-17; 433, 26-42; 467, 19-25.

 

De Henrico II augusto

Abbrevia Pomerium IV, 91.

Fonti indicate per il primo paragrafo: per confronto Sicardo p. 161, Vincenzo 25, 117; Martin. pp. 467-68. 433-34, Iac. a Vor. LA p. 841. La successione delle fonti Ź: Martin. 433, 44. 46. 51-434, 2; 468, 5-8; non so di dove tragga le notizie su Matilde e Bonifacio di Canossa; Martin. 434, 4-7; Iac. a Vor. LA 841; Martin. 434, 8-16. 23.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: Sicardo pp. 161-62, per confronto Elinando aa. 1101-02, Vincenzo 26, 10, Martin. pp. 434-35, 467-68 e Iac. a Vor. LA pp. 841-42. La successione delle fonti Ź: Martin. 467, 35-36; 434, 39-43; non so di dove vengano le notizie su Pietro Alfonso; BT 670. 679-80. 683. 695. 722; Martin. 435, 8; 468, 16-19; 435, 1-2; 435, 3-4; non so di dove venga la nota su Goffredo «de Buione»; Martin. 435, 11; non so di dove venga la notizia - si trova anche nella Parva 616-19 - sull’assedio di Ferrara da parte di Matilde.

 

De Henrico III augusto

Abbrevia Pomerium IV, 92.

Fonti indicate: per confronto Sicardo p. 162, Goffredo p. 255, Vincenzo 26, 9, Martin. pp. 435-6, 468-69, Tommaso Tosco p. 496, Iac. a Vor. LA p. 842. La successione delle fonti Ź: Martin. 468, 51-469, 21 (per la durata del regno, in accordo con la fonte e Pomerium IV, 92, 1, va accolta la lezione «XV»); 435, 11-22. 9; Iac. a Vor. LA 842; non so la fonte per la morte di Matilde; Martin. 435, 37-39; Iac. a Vor. LA 842; Martin. 435, 29-30; anch’io non conosco la fonte per l’ordine degli Ospitalieri; Martin. 435, 40-46; 469, 18-19; 435, 48; BT 761; non so la fonte per la cattura di Baldovino; Martin. 435, 49-436, 2; 469, 11-12; Iac. a Vor. LA 842.

 

De Lothario augusto

Abbrevia Pomerium IV, 93.

Fonti indicate per il primo paragrafo: per confronto Gilberto p. 133, Vincenzo 27, 1, Martin. pp. 469, 436, Iac. a Vor. LA p. 842. La successione delle fonti Ź: Martin. 469, 22-23 (per la durata del regno si deve scegliere la lezione «XI» come nella fonte ed in Pomerium IV, 93, 1, e non «XII»); 33-34; Iac. a Vor. LA 842; Martin. 436, 4-5. 19-20.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: nessuna. Le fonti sono: Martin. 469, 35-37; 469, 11-12; Cr. Ven. 114, 50-54.

Fonti indicate per il terzo paragrafo: Martin. p. 469. Le fonti sono: Martin. 469, 37-39; Iac. a Vor. LA 843; Martin. 469, 46.

 

De Conrado de Suevia augusto

Abbrevia Pomerium IV, 94.

Fonti indicate per il primo paragrafo: per confronto Vincenzo 29, 2, Martin. pp. 469, 436, Iac. a Vor. LA p. 843, forse Gilberto p. 133. La successione delle fonti Ź: Martin. 469, 35 (per la durata del regno si deve scegliere la lezione «XV» come nella fonte ed in Pomerium IV, 94, 1, e non «XII»); 436, 21-26; non so la fonte per la concessione dell’insegna; Martin. 468, 30-33; 469, 39-42; Iac. a Vor. LA 843.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: per confronto Martin. p. 469 e probabilmente Goffredo p. 261. La successione delle fonti Ź: Iac. a Vor. LA 843; Martin. 469, 46; 470, 34; 469, 47-48; per il cenno al monastero di S. Felice R. si rifą ad una ben nota tradizione bolognese.

 

De Frederico I augusto

Abbrevia Pomerium IV, 95.

Fonti indicate per il primo paragrafo: per confronto Sicardo pp. 165-66, 168, Goffredo p. 264, Vincenzo 29, 2, 3, 12, 46, Martin. pp. 469-70, 436-37, Iac. a Vor. LA p. 843. La successione delle fonti Ź: Martin. 469, 49; 470, 1-2 (da cui risulta che «vir largus et strenuus» Ź Federico, non il papa) e 13; Iac. a Vor. LA 843; Martin. 436, 37; Cr. Ven. 115, 2-3; Martin. 436, 41 (la durata del pontificato Ź di anni «IIII», come nella fonte ed in Pomerium VI, 2, 191); il miracolo del sangue cosď negli Annales Ferrarienses (1101-1211) edizione Ph. Jaffé, MGH SS 18, a. 1156; la distruzione di Cremona in Ann: Ferr. 1158; non so la fonte per la costruzione del castello di Lodi; Martin. 470, 28; Iac. a Vor. LA 843; Martin. 470, 31-32; 437, 1-9; Iac. a Vor. LA 843; Martin. 437, 16-17; 470, 10-11; non so di dove tragga per il numero dei morti.

Fonti indicate per il secondo paragrafo: nessuna. R. attinge ad una propria conoscenza diretta dei fatti ed a Martin. 437, 10-11.

Fonti indicate per il terzo paragrafo: nessuna. Anch’io non so di dove tragga.

Fonti indicate per il quarto paragrafo: per confronto Sicardo p. 174, Vincenzo 29, 3, 40, 44, 52, Martin. p. 437, Iac. a Vor. LA p. 843. La successione delle fonti Ź: Martin. 437, 11-15; Iac. a Vor. LA 843; Martin. 437, 25-27; non so la fonte per Primas, la neve, la morte di Bernardo, Gabriele da Camino; Martin. 434, 44; 437, 11: 22; 469, 5; 470, 27-28; non so la fonte per il marchese di Monferrato.

Fonti indicate per il quinto paragrafo: nessuna. La successione delle fonti Ź: Martin. 437, 28-30; non so la fonte per la visita a Verona di Giocchino da Fiore; Martin. 437, 29-30; BT 808, 810; non so di dove tragga per la durata dell’occupazione cristiana; Martin. 437, 28-30; Chr. Ven. 115, 112-15.

 

De Henrico de Suevia augusto

Abbrevia Pomerium IV, 96.

Fonti indicate per il primo paragrafo: per confronto Sicardo pp. 173-78, Gilberto p. 134, Vincenzo 29, 51, 54, 61, 64, 90-91, Martin. pp. 470-71, 437, Tommaso Tosco pp. 507-08. La successione delle fonti Ź: Martin. 470, 43. 46-47; Iac. a Vor. LA 843; non so la fonte per l’uccisione di Corrado marchese di Monferrato e per la morte di Saladino; Martin. 437, 31-33. 37-40; non so la fonte per i Cremonesi; Martin. 437, 37-38; 470, 43-46; non so la fonte per Uguccione.

Di qui in avanti Hankey non indica piĚ possibili fonti, ma solo rimandi e confronti con cronache o studi. La successione delle fonti per il secondo paragrafo Ź: Martin. 471, 1-5: Rigor. 50; Martin. 437, 40-41; non so di dove tragga per la morte di Enrico.

La successione delle fonti per il terzo paragrafo Ź: non so di dove tragga per la presa di Argenta; Martin. 471, 14-16; 438, 38-40; 471, 12-13; non so di dove venga «Marculphum» e la notizia sulla fondazione di Bergantino.

 

De Othone IIII augusto

Abbrevia Pomerium IV, 97.

Fonti indicate per il primo paragrafo: Martin. pp. 471, 437, Tommaso Tosco pp. 509-10, Iac. a Vor. LA p. 844, Sicardo p. 181. La successione delle fonti Ź: Iac. a Vor. LA 844; Martin. 471, 20-22.

La successione delle fonti per il secondo paragrafo Ź: non so la fonte per Giovanni conte; Chr. Mar. 667-68.

La successione delle fonti per il terzo paragrafo Ź: per Salinguerra R. Ź fonte; Chr. Mar. 668; Iac. a Vor. LA 844.

Le fonti per il quarto paragrafo sono: Chr. Mar. 668; Martin. 438, 9-10; 437, 43-44; non so la fonte per Goffredo Anglico, probabilmente notizia di scuola.

Le fonti per il quinto paragrafo sono: Chr. Mar. 670; Martin. 439, 1-13.

 

De Frederico Secundo augusto

Abbrevia, di qui fino alla rubrica De vacatione..., Pomerium IV, 98.

Fonti indicate per il primo paragrafo: le solite di Riccobaldo. Le fonti sono: Chr. Mar. 667-68. 670-71; Iac. a Vor. LA 844; Martin. 471, 26-27; Chr. Mar. 670; Martin. 439, 28-30.

Le fonti per il resto del capitolo sono: Chr. Mar. 671; non so la fonte per la morte di Filippo; Martin. 438, 42-45; non so la fonte per l’uccisione del principe creduto Federico; Martin. 439, 7; Chr. Mar. 671; Martin. 439, 13-15; Chr. Mar. 672. 674. 673; Martin. 471, 36-38; Chr. Mar. 674; Martin. 439, 28-30; non so la fonte per Michele Scoto.

 

Sermo de ritibus antiquorum

Il primo paragrafo corrisponde alla rubrica quasi identica in Pomerium  IV, 98, 16, ed Ź contributo originale di R.; non so la fonte per Nicola «Piscis»; Chr. Mar. 674; non so la fonte per il gelo nella pineta di Ravenna; Chr. Mar. 677 Martin. 439, 16-17. 37.

 

De obsidione Ferrarie

Fonti sono: Chr. Mar. 679; Chr. Rav. 578; Chr. Mar. 679; Martin. 439, 31; Chr. Mar. 679; Martin. 439, 34; Chr. Mar. 681-82; Martin. 471, 39-42; Chr. Mar. 683-84; per Enzio R. Ź fonte; Martin. 471, 43-46; Chr. Mar. 683. 685. 674. 684; Chr. Rav. 578; Chr. Mar. 685. 713.

 

De vacatione diuturna imperii

Abbrevia Pomerium 99.

Le fonti: Martin. 472, 28-29; 442, 31; di qui in avanti per gli avvenimenti riguardanti Ferrara R. Ź fonte; Chr. Mar. 695; Martin. 440, 16-21; 472, 44; Chr. Mar. 696; Chr. Rav. 578; Chr. Mar. 697-98; Chr. Rav. 579; sui monumenti sepolcrali di Accursio ed Odofredo R. fornisce testimonianza diretta; Chr. Mar. 704-07; Martin. 440, 33; Chr. Mar. 724; Martin. 473, 2-9; Chr. Mar. 725; non so la fonte per gli avvenimenti di Modena; Chr. Mar. 722; Martin. 441, 3-4; 473, 21-22. 29-30; Chr. Mar. 725. 723. 726-28; non so la fonte per gli avvenimenti fiorentini; Chr. Mar. 728-32; non so la fonte per l’arrivo ad Acri del re inglese; per gli avvenimenti ferraresi e bolognesi R, Ź fonte; Martin. 442, 25-40.

 

De Rodulpho...

Abbrevia Pomerium 100.

Per Guido da Polenta la fonte Ź Chr. Rav. 579; per i papi Martin. 442, 41-42; 443, 3. 11-21; 476, 13-25.

 

Di qui in avanti  R. diviene fonte primaria.

Tralascio volutamente l’esame delle appendici, che richiederebbe un lunghissimo e complicato discorso.

 

Ci siamo limitati in questa sede, come detto, alla verifica delle fonti, allo scopo primario di dipanare la cronologia delle aquisizioni progressive di Riccobaldo. Noi davamo per scontato che Riccobaldo, dopo il secondo, «piĚ disteso» come lo definiva Giuseppe Billanovich, soggiorno padovano, che aveva fruttato il «magnum historiarum volumen» dell’Historia Romana, avesse di molto accresciuto le sue letture; l’edizione perė non lo conferma. La Compilatio arriva alla primavera del 1313; la Parva con tutta probabilitą risale al 1317; il Compendium al 1318, la Hankey pensa che la composizione dell’Historia Romana si debba collocare tra 1308 e 1310 [38]; il MassŹra tra 1310 e 1313 [39]; io dopo il Compendium e prima della Parva, tra 1313 e 1317 [40]. Ma, se non convincono la studiosa inglese le ragioni messe in campo prima dal MassŹra ed in seguito dal sottoscritto, dovrebbe farlo almeno ora la constatazione, sicura proprio grazie alla sua edizione, che nella Compilatio non sono fonti ignote al Pomerium, e nelle altre sď.

Altri problemi – a riguardo della cronologia e del ristabilimento del testo - vengono dallo scoprire note derivanti dalla Compilatio in una copia del Pomerium, come ho gią segnalato fin dal 1991[41].



[1] Ricobaldi Ferrariensis Compilatio chronologica, a cura di A. T. Hankey, Roma 2000 (Istituto storico italiano per il Medio Evo, R. I. S. 3 , 4).

[2] Pomerium pp. 58-63.

[3] Compilatio, pp. 1-2.

[4] I «mediocriter literati» cui allude Riccobaldo non possono essere semplicemente quelli che sanno malamente il latino («litteratus» Ź chi sa leggere e scrivere in latino, «illitteratus» chi non puė, ci ha insegnato H. Grundmann, Litteratus-illiteratus. Der Wandel einer Bildungsnorm vom Altertum zum Mittelalter, «Archiv für Kulturgeschichte» 40 (1958), p. 13, visto che il Pomerium Ź pur sempre in latino. Piuttosto bisognerą pensare a coloro che non hanno dimestichezza con la scrittura dei codici antichi, che richiedono una familiaritą con essi non acquisita da tutti i - pur - «literati».

[5] Pomerium, Prologo. Sulla tecnica della compilazione acute osservazioni in G. Severino, Storiografia, genealogia, autobiografia. Il caso di Salimbene de Adam, in Cultura e societą nell’Italia medievale. Studi per Paolo Brezzi, 2 voll., Roma 1988 (Istituto storico italiano per il Medio Evo, Studi storici 188-192), pp. 778-779.

[6] G. Cavallo, La cultura a Ravenna tra Corte e Chiesa, in Le sedi della cultura nell’Emilia Romagna. L’alto Medioevo, Milano, 1983, pp. ***: p. 42.

[7] Cavallo, La cultura scritta a Ravenna tra antichitą tarda e alto medioevo, in Storia di Ravenna II, 2 Dall’etą bizantina all’etą ottoniana, a cura di A. Carile, Venezia 1992, pp. *** p. 106: «… doveva essere un altro, forse un codice uscito dall'episcopio della cittą nel secolo VI (scritto in onciale? In semionciale?)».

[8] Come ho gią fatto nelle mie edd. della Parva e del Pomerium, riporto con rispetto e con omaggio tra parentesi quadre e preceduti dalla sigla N. M., gli appunti del MassŹra, cosď come si possono leggere nelle sua carte conservate alla biblioteca Gambalunghiana di Rimini. Sullo studioso A. Campana, Aldo Francesco MassŹra, «Valdilamone», 9 (1929), pp. 119-130, e ora in Campana, Profili e ricordi, Padova 1996 (Medioevo e Umanesimo, 92), pp. 9-19.

[N. M. 32) G. Mazzatinti, Gli archivi della storia d'Italia, I, ***1897. 98. pp. 294-305, ripubblica dall’originale (ma dopo l’Amadesi, vol. I, App. VII, p. 231 sgg. della Chronotax. ) un inventario del 15… (sotto l’arcivesc. Pietro Accolti) sec. XVI dell’archivio e poi (pp. 305-309) della Bibliotheca Sanctae Ravennatis Ecclesiae  ma non v’Ź traccia di una cronaca di Eusebio o di Girolamo].

G. Mazzatinti, Gli archivi della storia d’Italia, 1 *** (1897-1898), pp. 295-305; lo ha notato anche Giu. Billanovich, La tradizione del testo di Livio e le origini dell’Umanesimo. I. Tradizione e fortuna di Livio tra Medioevo e Umanesimo, I, Padova 1981 (Ente nazionale F. Petrarca, Studi sul Petrarca, 9), p. 23 nota 1. Non ci aiuta A. Cottignoli, Cultura letteraria e storiografia a Ravenna fra Medioevo e Umanesimo, in Storia di Ravenna. III. Dal Mille alla fine della signoria polentana , a cura di A. Vasina, Venezia 1993, pp. ***: pp. 643-648.

[9] A. T. Hankey, Riccobaldo of Ferrara: His Life, Works and Influence, Roma 1996 (Istituto storico italiano per il Medio Evo, Fonti per la storia dell’Italia medievale, Subsidia 2), pp. 10-13.

[10] Ibid., p. 16.

[11] Eusebius Werke, 7. Die Chronik des Hieronymus, 3a edizione, con Introduzione di U. Treu, Berlin 1984.

[12] S. Eusebii Hieronymi Interpretatio Chronicae Eusebii Pamphili, PL 27.

[13] Vedi anche A. Cottignoli, Dietro le quinte dei «Rerum»: Muratori fra Boiardo e Riccobaldo, in Per formare un’Istoria intiera. Testimoni oculari, cronisti locali, custodi di memorie private nel progetto muratoriano (Atti della I giornata di studi muratoriani, Vignola, 23 marzo 1991), Firenze 1992 (Biblioteca dell’edizione nazionale del carteggio di L. A. Muratori, 8), pp. 63-72.

[14] G. Zanella, Riccobaldo e dintorni. Studi di storiografia medievale ferrarese, Ferrara 1980 (I presupposti, 5), pp. 23 e 45 nota 49.

[15] G. Ropa, Agiografia e liturgia a Ravenna tra alto e basso Medioevo, in Storia di Ravenna. III cit., ***pp. 371-372.

[16] Repertorio della cronachistica emiliano-romagnola (secc. IX-XV) , a cura di B. Andreolli, D. Gatti, R. Greci, G. Ortalli, L. Paolini, G. Pasquali, A. I. Pini, P. Rossi, A. Vasina, G. Zanella, Roma 1991 (Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Nuovi Studi Storici, 11), alla voce dedicata alla Chronica, p. 44.

[17] Hankey, Riccobaldo of Ferrara: His Life cit., pp. 3, 10-13.

[18] Probabile allusione a caratteristiche distintive del canto liturgico locale; cfr. Ropa, Agiografia e liturgia a Ravenna cit., p. 372 e note relative.

[19] Vedi anche G. Montanari, Istituzioni ecclesiastiche e vita religiosa nella diocesi di Ravenna, in Storia di Ravenna. III cit., pp. *** p. 310.

[20] Qualche altra notiziola doveva essere in margine, cfr. D. Ambrasi, Rufo, Bibliotheca Sanctorum, 11 (1968), pp. 485-487.

[21] G. Zanella, Il mondo e l’Italia nelle opere geografiche inedite di Riccobaldo da Ferrara: qualche paradigma di lettura in “Imago mundi”. La conoscenza scientifica nel pensiero bassomedioevale, Todi 1983 (Accademia tudertina, Convegni del Centro di studi sulla spiritualitą medievale, 22), pp. 157-181.

[22] III, 84.

[23] III, 109, 4: «Scribit Eutropius…».

[24] A. Campana, Il codice ravennate di s. Ambrogio, IMU, 1 (1958), p. 60 nota 2.

[25] Liber Grossus Antiquus Comunis Regii (“Liber Pax Constantiae”), a c. di F. S. Gatta, Deputazione di storia patria per le antiche province modenesi, Sez. di Reggio Emilia, V, 1962, pp. 198-201, atto del 20 mag.: «… Ricobaldus condam Bonmercati de Feraria, imperiali auctoritate notarius…»; pp. 202-05, atto del 28 lug.: «… Ricobaldus condam Bonmercati de Feraria, dicti domini vicarii notarius…».

[26] G. Gullotta, Gli antichi cataloghi e i codici della Abbazia di Nonantola, Cittą del Vaticano, Biblioteca apostolica vaticana 1955 (Studi e testi 182), pp. 81 e 143: cat. del 1331: n. 83 4) (f. 260) «Incipit Chronica S. Prosperi, Regensis ep.» che inc.:«Adam cum esset annorum ducentorum triginta genuit Seth» e expl. (f. 280):«in perpetuum perdit (corr. in perdat) auctorem». Membr. miscell. di ff. 286, mm. 370x250, minusc. carolina, di diverse mani, tit. in elegante capitale libraria e le lettere iniz. grandi ornate e dipinte, del sec. X-XI. Da Nonantola al Sessoriano o di S. Croce di Gerusalemme di Roma e di qui alla Biblioteca Vittorio Emanuele di Roma dove ha la segn. Ms. 1267 (Sess. 33).

[27] Ibid., p. 34 e p. 50: catalogo del 1166 n. 26; pp. 83 e 163: cat. del 1331 n. 101. L’inc. (De iniciis malorum) non Ź l’inizio delle Historiae ma doveva essere il titolo del cap. I, mentre l’expl. (iudicata si delesas) Ź proprio la fine; pp. 260 e 303: cat. del 1464: n. 130. L’inc. (Preceptis tuis) e l’expl. della penultima carta (eum promovere) corrispondono; pp. 371 e 452: cat. del 1464-90: n. 150. L’inc. (Preceptis tuis) Ź ancora quello ma l’expl. Ź Antichristi; ultima inc. nobilitatem et fin; in libro quinto; quindi risulta mutilo.

[28] Ibid., pp. 249 e 283: cat. del 1464: n. 38. «liber vocatus Glosarium, in membranis, qui incipit: «A, litera in omnibus gentibus» et finit, in penultima carta: «partem accipitur». Quindi incominciava dopo il prologo (corrisponde); l’expl. invece si trova quasi simile nella spiegazione della voce Zelus e quindi era mutilo in fine; p. 378: cat del 1464-90: n. 231: «Item unus vocabulista, in cartis membranis, cum alvis antiquis et fractis, cuius prima carta inc.: «Aliter et in omnibus»; penultima inc.: «yperbolem» et finit:«in bona parte acipitur». Sono simili a questo i Vatt. Latt. 1461-67 ed il Cavense 14, per cui vedi G. Goetz, De Glossarium origine et factis, Lipsiae et Berolini, Teubner 1923, pp. 172 ss.

[29] Ibid., pp. 6 e 14: cat. del 1002-35: nn. 16-17: Historia romana e alia H. r. uno die quali forse corrisp. al pp. 82 e 162-63: cat. del 1331: n. 100: «… Romane Istorie…». Ź il cod. n. 15 della Bibl. inglese di A. Chester Beatty accertato come nonatolano. Fu portato in Inghilterra, prima nella Bibl. Phillipps, a Cheltenham, dove aveva il n. 3075. Cod. membr. miscell., di ff. 3+111 - di cui ognuno Ź di 27 rr.-, del sec. IX o X di «7/8 in.x6 in.», minusc. carolina; acefalo del primo quaternione: contiene: 1) alcune costituzioni degli impp. Valentiniano, Teodosio ed Arcadio 2) Breviarium ab Urbe condita Eutropii (libri I-X) cum additamento Pauli Diaconi (XI-XVII). Il l. I inc. «Primus in Italia» e il X fin. «Explicit liber X, continua Hucusque Historiam Eutropius composuit, cui tamen Aliqua Paulus Diaconus addidit. Incipit liber undecimus. Inc. Anno ab Urbe condita». Il XVII inc. «Incipit liber XVII quem ex VVinulorum decerpsimus a prefato quae constat auctore edita, inc. Quum iam, ut premissum est». 3) Serie degli imperatori romani da Augusto a Leone III isaurico; inc. «Augustus regnavit annis LVI» e fin. «Leo regnavit annos Constantinopoli VIIII» 4) serie dei re longobardi, inc. «Hi prefuerunt genti vvinulorum hoc est langobardorum ed expl. Rothari in regno adeptus est». (il cod. nonantolano terminava qui).

[30] Ibid., pp. 163-67: n. 102 del cat. del 1331 ora Cod. Ott. lat. 2359 della Vat del secc. X-XI.

[31] Ibid., n. 124 del cat. del 1331.

[32] G. Cencetti, Scritture e circolazione libraria nei monasteri benedettini, ora in Libri e lettori nel Medioevo. Guida storica e critica, a c. di G. Cavallo, Bari, Laterza 1977, pp. 267-68 nota 14.

[33] Hankey, Riccobaldo of Ferrara: His Life…, pp. 19-20.

[34] Da cui trae Riccobaldo per una larga parte dell’ultimo libro, e non da un Breviarium Mileti della Marciana di cui dice Hankey, Riccobaldo of Ferrara: His Life…, pp.  17, 19.

[35] Hankey, Riccobaldo of Ferrara: His Life…, p. 66.

[36] Ibid., pp. 20, 77.

[37] G. Zanella, Gli Estensi nella storiografia coeva (secoli XIII-XIV), «Terra d’Este», 2, 4 (1992) [1993], pp. 65-69.

[38] Ricobaldi Ferrariensis Compendium Romanae Historiae edizione A. T. Hankey, Roma, ISIME 1984 (FSI 108) p. XXI nota n. 28: «secondo la cronologia che propongo non avrebbe avuto il tempo in quegli anni».

[39] A. F. MassŹra, L’autenticitą della “Cronica Parva Ferrariensis”, in «Archivio muratoriano» I, 10(1911), pp. 549-65.

[40] G. Zanella Riccobaldo e dintorni. Studi di storiografia medievale ferrarese Ferrara, Bovolenta 1980 (I presupposti 5), p. 21; Zanella, schede relative a Ferrara in Repertorio della cronachistica emiliano-romagnola (secc. IX-XV) Roma, ISIME 1991 (Nuovi studi storici 11), p. 174.

[41] G. Zanella, Note cronistiche del cremonese Gasapino Antegnati (sec. XIII-XIV) da un manoscritto del Pomerium Ravennatis Ecclesie di Riccobaldo da Ferrara, Cremona, Turris 1991, p. 13. Probabilmente la Hankey non ha ritenuto di tener conto di quel lavoro né delle mie osservazioni alla sua edizione del Compendium: G. Zanella, Note all’edizione Hankey del Compendium di Riccobaldo, in Varietą d’harmonia et d’affetto. Studi in onore di Giovanni Marzi per il suo LXX compleanno, Lucca, Libreria Musicale Italiana 1995 (Studi e testi musicali, n. s. 5), pp. 63-89.